Papa Francesco ricorda la "ecologia dell'uomo "di Benedetto XVI

Il logo del Congresso
Foto: simposiumratzinger2017.com

“Come aveva giustamente detto Papa Benedetto XVI, è necessaria una "ecologia umana" che metta al centro lo sviluppo integrale della persona e faccia appello alla loro responsabilità per il bene comune, per il rispetto e la buona gestione delle creature che Dio ci ha affidato”.

Con queste parole Papa Francesco ha salutato i partecipanti al settimo Convegno internazionale, sul tema: “Laudato si’. Per la ‘cura della Casa comune’, una conversione necessaria alla ‘Ecologia dell’uomo’”, promosso dalla Fondazione Ratzinger, in collaborazione con la Universidad Católica de Costa Rica che si svolge in questi giorni  a San José. In un video messaggio il Papa ringrazia il Presidente della Repubblica “per il sostegno dato a questa iniziativa, che promuove una causa che mi sta a cuore.

Con l'Enciclica Laudato si' ho sollecitato l'attenzione dell'umanità e della Chiesa sulle questioni più urgenti relative alla cura della nostra casa comune e al presente e futuro dei popoli che l’abitano. I problemi della distruzione dell'ambiente naturale sono sempre più gravi e le conseguenze sulla vita delle persone sono drammatiche.

Per affrontarli dobbiamo avere una visione ampia delle cause, della natura della crisi e dei suoi vari aspetti. No, nessun atteggiamento negazionista è lecito di fronte a questo problema mondiale. È essenziale la collaborazione di scienziati, sociologi, economisti e politici, così come di educatori e formatori delle coscienze. Perché senza una vera conversione dei nostri atteggiamenti e dei nostri comportamenti quotidiani, le soluzioni tecniche non basteranno per salvare la nostra casa comune”.

Papa Francesco parla della ecologia umana e conclude:

“Auspico con tutto il cuore che questo Simposio dia un forte impulso alla collaborazione delle Università Cattoliche - in particolare in America Latina e nei Caraibi - per lo studio dei problemi, dello sviluppo della situazione e delle possibili soluzioni; e anche per suggerire proposte concrete, al fine di suscitare una maggiore responsabilità nella cura della casa comune, non solo nelle singole persone, ma anche nelle comunità politiche, sociali, ecclesiali e, infine, nelle famiglie.

Sono necessari la solidarietà e l’impegno di tutti. L'enciclica Laudato si' interpella tutti e ciascuno di noi.  C’è bisogno la collaborazione di tutti per accogliere il messaggio della Laudato si' e tradurlo nella vita concreta, per il bene e il futuro della famiglia umana”.

Durante il Simposio viene presentato uno strumento per misurare l’indice di sviluppo dei Paesi del mondo, sulla base degli indicatori ambientali proposti nell’Enciclica di Papa Francesco Laudato si’. Sarà inoltre inaugurato l’Osservatorio Laudato si’ presso l’Università Cattolica del Costa Rica: suo obiettivo sarà quello di misurare la situazione ambientale e sociale del pianeta, raccogliendo dati che alimenteranno un indice di sviluppo e condividendo i risultati di ogni misurazione e gli studi che ne derivano.

 

Tags: Papa Francesco , Benedetto XVI , Fondazione Ratzinger , Laudato Si , Costarica