Caritas Italiana e Pax Christi: una giornata di preghiera e digiuno per la Siria

Giovani in preghiera
Foto: Daniel Ibanez, ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Ancora vittime. Ancora orrore, morte e cancellazione di vite umane, tra cui molti bambini a Idlib, in Siria. Mentre istituzioni internazionali e governi continuano in sterili negoziati, discussioni inutili e rimpalli di responsabilità, siamo ancora una volta davanti ad un crimine che papa Francesco ha definito “inaccettabile”. Perché ogni guerra è crimine, follia, suicidio dell’umanità, avventura senza ritorno”.

E’ il testo della proposta lanciata il 6 aprile 2017 da Caritas Italiana e Pax Christi: “Per evitare che anche nel nostro cuore ci sia scritto “A me che importa?”, raccogliendo le ripetute sollecitazioni del Santo Padre, proponiamo alle Caritas diocesane, ai Gruppi di Pax Christi e a quanti vogliano aderire una giornata di digiuno che accompagni la preghiera per la Siria, mercoledì 12 aprile 2017, alla vigilia del Triduo Pasquale; per non dimenticare, per vivere la passione e la croce di tanti innocenti nel mistero della Passione di Cristo, nella luce della Speranza della Pasqua”.

"Stiamo e restiamo dalla parte delle vittime - continua la proposta - non solo per aiutarle a sopravvivere alla guerra, ma anche a costruire un futuro durevole di pace basato sulla cultura della nonviolenza. Solo grazie ai giovani, la nonviolenza potrà finalmente tornare a sbocciare nella sofferente nazione siriana, come un fiore tra le macerie, come evidenziato nel dossier di Caritas sulla Siria presentato lo scorso marzo.

Dunque una giornata di preghiera e digiuno per porre fine all’immensa tragedia della guerra che da anni flagella “l’amata e martoriata” Siria, come definita più volte da Papa Francesco.