Il barocco fiammingo al Donnaregina di Napoli

La Madonna col Bambino in una ghirlanda di fiori (olio su tavola, 1616 – 18), di Peter Paul Rubens (1577 – 1640) e Jan Brueghel il Vecchio (1568 – 162
Foto: Museo Donnaregina
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Una coloratissima ghirlanda di fiori su una sfondo nero e al centro Maria che sorregge un bambino Gesù che fa i sui primi passi. Il capolavoro barocco di Peter Paul Rubens e di Jan Brueghel il Vecchio è esposto da sabato a Napoli nel Complesso monumentale di Donnaregina.

Una nuova tappa del ciclo di esposzione dei grandi artisti dopo il Salvator Mundi di Leonardo. Maria è al centro in un raffinato ovale di fori. La Madonna sorregge con una mano il delizioso fanciullo che intanto accenna i primi passi sul piano di una balaustra in pietra appena lambita da drappi grigi e bianchi, mentre ancora la madre sostiene gli equilibri precari del piccolo col braccio e la mano destra sino alla caviglia; una ghirlanda intrecciata di rose, tulipani, ortensie, orchidee e tante altre rarissime specie di fori, adorna la composizione con una orchestrazione cromatica perfettamente armonizzata al contesto religioso della scena. Il dipinto sarebbe stato venduto nei primi del Novecento, da Charles Sedelmeyer al principe Nikolaus Esterhàzy e conservato nelle raccolte zurighesi di famiglia almeno sino al 1996.

Uno dei temi di maggior interesse è aver identificato la mano di Peter Paul Rubens nella realizzazione delle figure della Vergine e del bambino e di quella di Jan Brueghel nella creazione della ricca ghirlanda di fori. Il quadro ad olio dimostra la proficua collaborazione tra due dei maggiori artisti fiamminghi del tempo.

La mostra, realizzata in collaborazione con il museo Madre della Regione Campania, sarà visitabile fino al 30 aprile 2018 durante i consueti orari di apertura del Museo Diocesano di Napoli.