Il "Giugno Antoniano" all'insegna della misericordia

L'immagine del Giugno Antoniano 2016
Foto: santantonio.org
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Ormai è una tradizione consolidata quella del Giugno Antoniano a Padova e in questo anno santo sarà la misericordia la linea rossa che guida ogni appuntamento. Si inizia il 28 maggio e l’immagine simbolo di questo Giugno Antoniano  è una xilografia di Josef Haas Triverio che raffigura un Sant’Antonio tra poveri e malati, sullo sfondo le mura e i palazzi della città.

Non solo Padova del resto partecipa alla organizzazione, quest’anno ci sono anche i Comuni di Camposampiero e di Anguillara Veneta. I Santuari Antoniani di Camposampiero, oggi attivo centro di spiritualità, sorgono sui luoghi santificati dalla presenza di frate Antonio nell’ultimo mese di vita. Anguillara Veneta fu Gastaldia della Veneranda Arca di Sant’Antonio fin dal Quattrocento.

Eventi che accompagnano la tradizionale “tredicina” che prepara i fedeli alla festa del 13 giugno.

I luoghi sono quelli cari ai fedeli: la Basilica, ma anche la Scoletta del Santo, il Santuario dell’Arcella, i Santuari Antoniani di Camposampiero, l’Oratorio di sant’Antonio ad Anguillara Veneta.
Primo appuntamento il pellegrinaggio notturno dei giovani dal Santuario del Noce di Camposampiero alla Basilica del Santo a Padova, dove sarà celebrata la messa solenne alle 9, con una tappa intermedia al Santuario dell’Arcella. Il tradizionale “Cammino di sant’Antonio” si svolgerà nella notte tra sabato 28, con accredito dalle 18, e domenica 29 maggio (informazioni e iscrizioni on line suwww.ilcamminodisantantonio.org). Il lungo percorso, valorizzato negli anni anche dal punto di vista infrastrutturale, entrerà a far parte del circuito da Bassano a Padova della “Romea Strata” (Strada Romea), il percorso medievale dei pellegrini “romei”, provenienti da est e nord Europa, per raggiungere la città eterna.

La tradizionale Tredicina in onore di sant’Antonio inizierà martedì 31 maggio alle 21 con la solenne chiusura del mese mariano in Basilica, che per tutti i tredici giorni ospiterà celebrazioni religiose, pellegrinaggi e, appunto, la seguitissima preghiera della Tredicina.

Poi tanti appuntamenti religiosi ogni giorno con il culmine il giorno della Festa del Santo, lunedì 13 giugno. Tutti i padovani sono invitati ad esporre i drappi antoniani lungo il percorso del Transito e della processione.

Lezioni, rievocazioni storiche, dialoghi sulla misericordia che vanno ben oltre il 13 giugno come il convegno: “Il progetto di riordino e inventariazione dell’archivio storico della Veneranda Arca”.
giovedì 23 giugno alle 17.30, nella Sala dello Studio teologico della Basilica.

Moltissime le occasioni per  riscoprire i luoghi antoniani della città e i “Notturni al Santo tra arte e spiritualità”. Teatro per i gradi e per i ragazzi, musica leggera e classica.

Infine, nell’anno del Giubileo della misericordia la “Cena della Misericordia”, di lunedì 20 giugno, ospitata nei chiostri della basilica, offerta dai frati del Santo ai poveri, un momento di condivisione fraterna con quanti si trovano nel bisogno.