Il Myanmar, la prima tappa del 21/mo viaggio apostolico di Papa Francesco

Aung San Suu Kyi
Foto: Senate of Poland
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il Myanmar è la prima tappa del 21/mo Viaggio Apostolico internazionale di Papa Francesco. Uno Stato - la ex Birmania - tra i più poveri del mondo, anche se negli ultimi anni si registra una notevole crescita economica dovuta soprattutto dallo stop all'embargo internazionale.

Indipendente dal 1948 - era una colonia britannica - il Myanmar dal 1962 è stato protagonista di un colpo di stato che ha instaurato una dittatura militare. La giunta militare solo nel 2010 ha aperto alla democrazia, convocando elezioni multipartitiche nel 2012 e nel 2015.

Emblema del ritorno alla democrazia è l'attuale Ministro degli Esteri, leader della Lega Nazionale per la Democrazia e Premio Nobel per la Pace, Aung San Suu Kyi, per anni vittima della giunta militare.

I birmani sono oltre 55 milioni, la maggioranza dei quali di fede buddista. I cattolici sono meno di mezzo milione: la struttura della Chiesa birmana è composta da 3 arcidiocesi e 10 diocesi. La Birmania annovera nel collegio cardinalizio l'Arcivescovo di Yangon, Charles Maung Bo. Il Myanmar e la Santa Sede hanno stretto relazioni diplomatiche nel maggio 2017.

Tra le minoranze figurano anche i Rohingya, di religione musulmana, vittime di forti persecuzioni. La maggioranza dei Rohingya è fuggita nel vicino Bangladesh. Per la loro situazione il Papa più volte ha lanciato appelli pubblici.