L'altro Francesco raccontato grazie alle domande di una giornalista americana a Roma

Il nuovo libro su Papa Francesco
Foto: Cantagalli
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Mi interessavano le notizie di chi conosce Francesco personalmente, perché suo stretto collaboratore, amico o parente. Testimonianze che offrissero uno sguardo originale sulla Chiesa cattolica e sul pontificato di Francesco”.

Cosi Deborah Castellano Lubov giovane giornalista statunitense spiega come nasce il suo libro: “L’altro Francesco. Tutto quello che non vi hanno mai detto sul Papa” edito da Cantagalli.

Il volume raccoglie interviste che l’autrice ha raccolto in diverse occasioni e ospita una intervista di Michael Hesemann alla sorella di Papa Bergoglio.

Alla vigilia della visita del Papa in Birmania è interessante la intervista a Charles Maung Bo, S.D.B cardinale di Yangon. “ Il Myanmar non è periferia- dice il cardinale- è la periferia delle periferie! Sessanta anni di dittatura disumana, un paese chiuso per decenni a contatti col resto del mondo moderno, migliaia di rifugiati fuggiti all’estero, milioni di lavoratori costretti a emigrare. Per la Chiesa cattolica il colpo è stato quasi fatale! I missionari stranieri espulsi in una notte, tutte le 36 proprietà come scuole o ospedali nazionalizzate. Il regime pensava di averci ucciso, ma noi ci rifiutammo di morire! Eravamo dimenticati dal mondo, non eravamo solo una periferia! Vittime di un’amnesia generale, ma la madre Chiesa non si è mai dimenticata di noi! Il Myanmar è stato sempre al centro delle preoccupazioni di molti papi”.

Ed aggiunge: “ penso però che la gente sia felice di avere un papa semplice che sorride, che abbraccia i poveri e i malati, persino quelli deturpati dalla malattia, che parla direttamente al loro cuore. Probabilmente i paesi ricchi sono preoccupati per le idee che il papa ha sull’economia di mercato, o per i suoi moniti, ad esempio quelli sull’ambiente. In Oriente invece c’è solo da gioire per le idee di papa Francesco sulla giustizia, sull’economia e sullo sviluppo. Personalmente non avverto alcuna confusione, semmai una maggiore chiarezza sulla missione della Chiesa, quella cioè di essere al fianco degli emarginati”.

Molti i racconti personali di cardinali e vescovi che mettono in luce la umanità del Papa.

Interessante anche la visione della lettura del pontificato da parte dei media. L’autrice ne ha parlato anche con Georg Gänswein Prefetto della Casa Pontificia e segretario del Papa emerito: “È evidente - risponde l’arcivescovo- e tutti lo possono notare, come i mass media siano ben disposti nei confronti di papa Francesco e come invece non lo fossero nei confronti di papa Benedetto, ma non si deve dare un’eccessiva importanza a questo fatto. I mass media non sono il parametro col quale si misura l’operato del Successore di Pietro. Credo che questo fenomeno sia frutto anche del modo di comunicare.

Papa Francesco è un uomo mediatico che sa comunicare facendo gesti inaspettati e sorprendenti, che catturano l’attenzione dei media; Benedetto non ha questa dote, il suo dono è spiegare le cose in modo esemplare scrivendo e parlando. Ascoltare con attenzione richiede pazienza e impegno. I mass media sono uno strumento straordinario per annunciare il Vangelo. Per usare al meglio questo strumento occorre annunciare la verità in modo semplice, diretto e convincente, usando anche dei gesti; papa Francesco riesce a farlo assai bene”.

Tutti da scoprire gli intervistati che danno un prospettiva nuova sul Papa. A cominciare dalla introduzione del cardinale Parolin.