Medico e Priore Generale: San Filippo Benizi, Servo di Maria

San Filippo Benizi
Foto: Wikicommons pubblico dominio
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Rileggere la vita di un santo con lo scorrere del tempo non è solo registrare le date necessarie per conoscerne la sua storia ma è qualcosa di più, ovvero comprendere o cercare, ove possibile, di penetrare il suo rapporto con Dio.

Filippo Benizi nacque a Firenze nel 1233 e morì 1285, in un secolo molto simile al nostro. 

Questa città, in quell'epoca, era una realtà che stava attraversando un periodo di grande fermento dal punto di vista commerciale ed economico. 

In questo contesto nasce Filippo Benizi, da una famiglia di nobile stirpe. Il giovane cresceva molto attento alla vita della sua città. Studiò, con assiduità e precisione, tanto da laurearsi in Medicina: aveva davanti a se un futuro non solo agiato e brillante ma che gli consentiva di aiutare, concretamente, il prossimo come già faceva donando largamente a coloro che bussavano alla porta del suo cuore. 

Al tempo del nostro santo la città di Firenze contava circa venti corporazioni tra cui anche quella dei medici, alla quale forse il santo apparteneva. 

Ma, un giorno e precisamente il giovedì di Pasqua del 1254 mentre era nella chiesa dei Servi di Maria a Cafaggio, il suo cuore avvertì chiaramente che il Signore lo stava chiamando alla vita religiosa. Cosi lasciato tutto per seguire il tutto, il 18 aprile dello stesso anno chiese di entrare nell'ordine dei Servi di Maria come semplice fratello laico. Scelse di farsi non solo piccolo ma il più piccolo, non sentendosi pronto e degno dell'ordinazione sacerdotale. La sua vita di fratello laico durò circa quattro anni, fin quando mentre andava a Siena, con un confratello, sulla strada discorrendo con altri religiosi emerse la sua buona preparazione culturale e chi assisteva alla scena, raccontò ai superiori della preparazione del santo, il quale lo supplicava di tacere. Nel 1258 fu ordinato sacerdote e pochi anni si trovò ad essere priore generale dell'Ordine. 

Tanta era la sua umiltà che rifiutò di venire eletto Pontefice tanto da dover fuggire per evitare ciò. Oltre a ciò,  San Filippo Benizi fu padre dei poveri e pastore sollecito  per i suoi figli e per tutti coloro che bussavano al suo cuore. 

Morì nel 1285 nel convento di Todi dove si trovava per una sosta nei suoi numerosi viaggi a Roma per far approvare la propria famiglia religiosa. Fu dichiarato santo il 23 agosto 1671.