Un altro modo di vivere la notte. Monsignor Ruzza presenta la Notte Sacra a Roma

Conferenza Stampa di presentazione
Foto: VG; ACI STAMPA
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Una “notte sacra” nel cuore di Roma. Una notte di preghiera, di musica, di incontro. Per dimostrare che accanto alla "movida romana" e alle "notti bianche" può esserci anche una notte dedicata alla bellezza, all'arte, alla musica e perché no, a Dio. E' questo l’intento principale dell'iniziativa della diocesi di Roma, con la collaborazione dell’Opera Romana Pellegrinaggi,"La notte Sacra".

Saranno in tutto otto eventi, tra concerti, letture e catechesi, in diverse chiese e palazzi nel cuore della città, e si inizierà sabato 27 maggio.

Il Vescovo Gianrico Ruzza, ausiliare per il settore Centro della diocesi di Roma, intervenuto alla conferenza stampa di presentazione al Vicariato, commenta: “ Con questo progetto abbiamo voluto sottolineare la bellezza dell’arte al servizio della creazione. Roma è una città santa, non ha molti santuari, è lei stessa un santuario. Roma deve essere felice e ricordare i suoi testimoni della fede e per questo riproduciamo l’arte e la musica nelle Chiese simbolo della Capitale italiana. Sarà una notte colma di speranza, una notte di vita. Proponiamo ai giovani e a tutti un nuovo modo di vivere la notte”.

Monsignor Liberio Andreatta, direttore dell’Opera Romana Pellegrinaggi, aggiunge: “ Roma deve essere una città aperta. Una città di dialogo, di incontro, storia, cultura e religiosità. Siamo un contenitore di bellezza e di storia. Non dobbiamo mai dimenticarlo”.

E' un programma fitto di eventi quello della Notte Sacra, per la prima volta nell'Urbe questo week end. L’evento, sostenuto da Euroma2, si aprirà alle 18.30 con la recita dei vespri solenni della vigilia dell’Ascensione nella basilica di San Giovanni Battista dei Fiorentini, animati dalla Cappella musicale di Santa Maria in Campitelli diretta dal maestro Vincenzo Di Bella. Sempre nella chiesa di via degli Acciaioli, alle 20, si terrà il concerto di Angelo Branduardi.

Alle 21.45 nella basilica di Sant’Andrea della Valle si svolgerà un incontro con padre Maurizio Botta, sacerdote della Congregazione dell’Oratorio di San Filippo Neri e viceparroco di Santa Maria in Vallicella (Chiesa Nuova) e a seguire il Coro della diocesi di Roma e l’Orchestra Fideles et Amati, diretti da monsignor Frisina, eseguiranno l’oratorio sacro “Paradiso, Paradiso”, ispirato alla vita di san Filippo Neri, con la voce recitante di Giovanni Scifoni.

All’una nella chiesa di Sant’Ignazio di Loyola ci sarà il concerto “Altissima luce. Il Laudario di Cortona” reinterpretato in chiave jazz da Paolo Fresu, Daniele di Bonaventura, Marco Badoscia e Michele Rabbia insieme all’Orchestra da Camera di Perugia e al gruppo vocale Armoniosoincanto.

Si proseguirà alle 2.30 con il coro gospel Soul Singers, nel Palazzo Maffei Marescotti (Palazzo del Vicariato Vecchio), in via della Pigna 13/a, dove l’attore Sebastiano Somma leggerà testi dell’Evangelii Gaudium.

Alle 4, nella chiesa delle Stimmate a largo Argentina, è in programma un incontro con il direttore del Servizio diocesano per le vocazioni don Fabio Rosini.

Quindi alle 5.30, nella basilica di Santa Maria sopra Minerva, è previsto il concerto “Musica sacra in un Minuscolo Spazio Vocale” e alle 6.30 l’attrice Maddalenna Crippa, leggerà gli scritti di santa Caterina da Siena scelti da don Paolo Ricciardi, parroco a San Carlo da Sezze.

La lunga notte di preghiera si concluderà alle 8 con la recita delle lodi e la Messa, presieduta dal vescovo Gianrico Ruzza nella Chiesa del Gesù. Animerà la Messa la Schola Cantorum S. Maria degli Angeli.

Inoltre, sempre alle Stimmate, sarà possibile fermarsi per l’adorazione eucaristica dalle 20 alle 4, mentre a Santa Maria in Vallicella sarà possibile confessarsi dalle 20 alle 24.

La Notte Sacra: vivere la musica e l’arte insieme alla fede, a Roma.