2017, come cambia la Chiesa in Italia

Il Papa con il Cardinale Bagnasco e Monsignor Galantino
Foto: CEI
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il 2017 sarà un anno di grandi cambiamenti per la Chiesa Italiana. A partire dalla stessa Conferenza Episcopale. Il 7 marzo, infatti, scade il secondo mandato del Presidente, il Cardinale Angelo Bagnasco. I Vescovi italiani per la prima volta presenteranno al Papa una terna di nomi: sarà poi Francesco a scegliere. Finora era invece il Papa stesso - nella sua funzione di Primate d'Italia - a nominare il Presidente della CEI.  E' ipotizzabile che per la prossima Assemblea Generale di maggio la Conferenza Episcopale Italiana abbia un nuovo Presidente.

 

Il 25 marzo il Papa sarà in visita a Milano. E - probabilmente - quello sarà l'ultimo, o uno degli ultimi, appuntamenti pubblici del Cardinale Angelo Scola quale Arcivescovo del capoluogo lombardo. Il Cardinale Scola ha compiuto 75 anni nel novembre scorso e ha presentato la lettera di dimissioni al Papa, come previsto dal Codice di Diritto Canonico. Ora spetterà al Pontefice decidere quando queste dimissioni saranno effettive.

 

Chi ha già scritto da tempo la lettera di dimissioni è il Cardinale Agostino Vallini, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma. Il porporato compirà 77 anni il prossimo 17 aprile e ha già "usufruito" di una proroga biennale da parte del Papa anche e soprattutto in concomitanza con il Giubileo straordinario. Nelle prossime settimane in Vicariato qualcosa potrebbe cambiare. 

 

Un'altra lettera di dimissioni per raggiunti limiti di età è arrivata da tempo sulla scrivania del Papa dalle Marche, e per la precisione da Ancona-Osimo. La firma è del Cardinale Edoardo Menichelli, classe 1939. Il cambio della guardia potrebbe avvenire in tempi piuttosto rapidi.

 

Chi invece si prepara a scrivere la lettera al Papa è il Cardinale Gualtiero Bassetti, Arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, un vescovo molto vicino ed ascoltato da Francesco. Bassetti compirà 75 anni il prossimo 7 aprile, ma per lui la proroga alla guida dell'Arcidiocesi umbra è data praticamente per scontata. Anche per via delle voci che lo vorrebbero successore del Cardinale Bagnasco alla guida della CEI...

Ti potrebbe interessare