Abusi, il Primate di Polonia: "Solo con la verità potremo ristabilire la fiducia"

L'arcivescovo Polak di Poznan ha sottolineato le iniziative anti-abusi della Conferenza Episcopale Polacca

L'arcivescovo Wojcieh Polak, di Gniezno
Foto: Youtube
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“La purificazione della Chiesa in Polonia dai reati di abuso sui minori da parte di alcuni membri del clero è possibile solo attraverso una valutazione onesta e coerente dei reati stessi, nonché una spiegazione e valutazione delle negligenze dei superiori ecclesiastici", ha detto l’arcivescovo Wojciech Polak, Primate di Polonia e Delegato della Conferenza Episcopale Polacca per la protezione dei bambini e dei giovani.

L'arcivescovo Polak ha ricordato che negli ultimi anni la Chiesa in Polonia ha intrapreso azioni volte a proteggere i minori. Ha informato che nel 2013 vescovi polacchi hanno nominato padre Adam Żak, SJ come coordinatore della Conferenza Episcopale Polacca per la protezione dei bambini e dei giovani.

Grazie alla sua iniziativa, presso l’Accademia Ignatianum a Cracovia è stato fondato il Centro per la Protezione dei Bambini. Il centro da ormai 6 anni gestisce una serie di attività educative e di formazione sulla prevenzione indirizzate a coloro che si occupano dell’educazione e della pastorale dei bambini e dei giovani. Sono circa 6.000 persone tra preti, religiosi e religiose che finora hanno partecipato a diversi tipi di corsi e training.

Per venire incontro al bisogo di qualificare il personale delle istituzioni cattoliche di diverso tipo, il Centro per la Protezione dei Bambini  ha lanciato anche gli studi post-diploma in prevenzione della violenza sessuale contro i minori. Dal 2015 in tutte le 44 diocesi e in oltre 60 congregazioni religiose maschili, sono stati nominati i delegati per la protezione dei bambini e dei giovani, i quali sono responsabili tra l’altro dell’accoglienza delle vittime che vogliono presentare una denuncia degli abusi sessuali commessi a loro danno da membri del clero. Il Centro gestito dai gesuiti ne ha curato la preparazione professionale in una serie di training.

Il Primate di Polonia ha sottolineato che dal 2019 esiste anche la hot-line “Feriti nella Chiesa”, lanciata da laici cattolici. La rete fa da sostegno del sistema ufficiale di accettazione delle denunce rivolto alle persone che hanno difficoltà a presentare l’ingiustizia subita dagli ecclesiastici e hanno bisogno di aiuto e di accompagnamento per riferire la loro causa a un’istituzione ecclesiastica.

“L’attività della hot-line è una manifestazione della responsabilità dei laici per la Chiesa e della cura per coloro che vi sono stati feriti”, ha detto l'arcivescovo Polak.

Quindi, l'arcivescovo Polak ha ricordato che gli standard di protezione dei bambini e dei giovani sono determinati anzitutto dalle linee guida vigenti in tutta la Chiesa in Polonia. Esse definiscono il modo di procedere nei casi di reati sessuali a danno dei minori e delle persone vulnerabili, commessi dai chierici e dagli altri impiegati delle istituzioni ecclesiastiche. Lo fanno in conformità con le attuali norme della Santa Sede e con la legge penale in vigore in Polonia. Esse stabiliscono anche i principi di prevenzione per proteggere i minori.

In questo contesto il Primate ha citato l’opinione del segretario aggiunto della Congregazione per la Dottrina della Fede, l'arcivescovo Charles Scicluna, espressa l’anno scorso, durante la sua visita in Polonia. “Ho valutato - aveva detto l'arcivescovo Sciclluna - i documenti e le linee guida della Conferenza Episcopale Polacca come molto buoni, ma ciò che conta è la loro applicazione che non sempre funziona come dovrebbe”.

Il Delegato dei vescovi polacchi ha sottolineato che anche la Chiesa in Polonia sta imparando ad applicare la nuova legge promulgata da Papa Francesco con il motu proprio “Vos estis lux mundi”.

La legge è in vigore dal 1° giugno 2019 e stabilisce l’obbligo di denuncia e istituisce una procedura specifica per trattare i casi di negligenza da parte di superiori ecclesiastici nel trattare i casi di reati sessuali commessi dal clero a danno dei minori. “Secondo questa legge, ogni chierico e laico che possiede informazioni credibili su tali negligenze è obbligato a denunciarle al metropolita e­/o alla Santa Sede”, ha ricordato l’arcivescovo Polak.

Il Primate ha anche precisato che un esempio di applicazione di questa legge è stata la sua denuncia alla Santa Sede del caso del vescovo di Kalisz dopo le rivelazioni del film dei fratelli Sekielski. “Dopo aver visto il film, non potevo tacere o rimanere inattivo di fronte ai fatti presentati”, ha affermato l’arcivescovo Polak.

“La presentazione della denuncia non è una dichiarazione di colpevolezza del vescovo Edward Janiak, ma gli offre una reale possibilità di presentare argomenti in sua difesa nel quadro di un processo canonico. La Santa Sede ha competenza esclusiva per giudicare il caso”, ha aggiunto il Primate.

Secondo l'arcivescovo Polak, il punto di partenza di tutte le attività della Chiesa deve essere il bene delle persone che sono state ferite. Ha sottolineato che “il ripristino del senso di giustizia attraverso l’accertamento della responabilità e la punizione dei perpetratori di questi crimini è il primo segno di aiuto. Non si tratta solo di un passo doveroso verso le vittime, ma anche di un segno dell’amore e della cura da parte della Chiesa”.

Quindi, ha aggiunto che “le persone ferite dovrebbero essere aiutate anche con la terapia psicologica, consulenza legale e il sostegno spirituale. E siamo obbligati a farlo non solo dalla legge in vigore nella Chiesa, ma soprattutto dalla coscienza e dalla decenza umana” – ha indicato il Delegato della Conferenza Episcopale Polacca per la tutela dei minori.

Il Primate ha anche sottolineato che le sue azioni di Delegato derivano dal mandato ricevuto dalla Conferenza Episcopale durante l’assemblea plenaria nel marzo del 2019. Il Primate ha ricordato che nello stesso anno i vescovi polacchi hanno istituito anche la Fondazione di San Giuseppe. La Fondazione si propone di sostenere azioni e iniziative già esistenti e di offrire supporto alle nuove misure a favore delle vittime e per la protezione dei minori, sia a livello nazionale che quello diocesano. La Fondazione è finanziata da tutte le diocesi polacche in proporzione al numero di sacerdoti e vescovi che ne fanno parte. “L’istituzione della Fondazione è un’espressione di solidarietà della Chiesa in Polonia con le persone ferite”, ha detto l’arcivescovo Polak.

“Dobbiamo ammettere onestamente - ha continuato - che, nonostante le azioni intraprese in Polonia, dobbiamo lavorare costantemente per cambiare la nostra mentalità. C’è sempre molto da fare in questo settore. Dobbiamo anche ammettere onestamente che la legge in vigore nella Chiesa non è rispettata ovunque, e non tutte le vittime ricevono l’aiuto di cui hanno bisogno. Garantire la sicurezza dei bambini e dei giovani nella Chiesa è ancora una sfida per noi” .

L'arcivescovo Polak ha anche aggiunto che a questo scopo servono appunto le politiche di prevenzione elaborate e adottate nelle diocesi polacche e in molte congregazioni religiose. La loro applicazione nella pratica farà sì che gli ambienti della Chiesa diventeranno luoghi sicuri per i bambini e per i giovani.

“Sono convinto che solo ponendoci di fronte alla verità ed assumendoci la responsabilità per il chiarimento di tutti i crimini e delle negligenze, ripristineremo la nostra credibilità e la Chiesa in Polonia riavrà la fiducia”, ha concluso il Primate.

Ti potrebbe interessare