Alla vigilia del viaggio di Papa Francesco nasce AciAfrica, nuova agenzia Aci- EWTN

Una nuova realtà informativa per l' Africa e dall'Africa del nostro gruppo editoriale prepara la informazione sul viaggio del Papa

Il lancio di AciAfrica
Foto: www.aciafrica.org
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

ACI Africa "è un ampliamento al buon impegno di EWTN nel contribuire a raccontare la storia dell'Africa da una prospettiva più realistica ed equilibrata”.

É questo il commento del vescovo Emmanuel Badejo, Presidente del Comitato episcopale panafricano per la comunicazione sociale in Africa (CEPACS) alla nascita di una nuova agenzia del Groppo Aci nella famiglia EWTN.

Da sabato scorso infatti una nuova realtà informativa permette all’ Africa di essere al centro della attenzione nella sua realtà, con racconti e storie, notizie ed approfondimenti senza manipolazioni.

Il lancio della agenzia ha avuto il supporto delle autorità ecclesiastiche africane e vaticane.

Monsognor Emmanuel Badejo ha spiegato che “L'impegno a pubblicare notizie africane in una molteplicità di lingue sicuramente promuoverà una consapevolezza molto maggiore delle attività della Chiesa e genererà un vero senso della Chiesa come Famiglia di Dio nel continente. In questo senso, l'istituzione dell'ACI è sicuramente in linea con le aspirazioni del SECAM, che a sua volta è uno strumento volto a promuovere la solidarietà pastorale organica tra tutti i popoli dell'Africa ”

"A nome dei vescovi di SECAM e CEPACS accolgo con favore questa buona notizia e vi invito a sostenere anche gli sforzi e le iniziative dei media locali che condividono gli stessi obiettivi dell'ACI per l'ulteriore vantaggio della Chiesa in Africa"

"Prego che attraverso il mondo dell'ACI l'apostolato della comunicazione possa portare i tesori pastorali e l'eredità culturale della Chiesa in Africa all'attenzione del mondo e di tutte le persone di buona volontà”.

A guidare la agenzia un giovane sacerdote del Kenia che dal 2012 si occupa dell’informazione dall’ Africa per Catholic News Agency,  Don Bosco Onyalla.

E’ lui stesso a spiegare la missione di Aci Africa:

Ci auguriamo che ACI Africa coinvolga i giornalisti cattolici africani per facilitare il racconto della storia africana da una prospettiva di fede cattolica. Il team  di giornalisti cattolici presso la sede di ACI Africa nella capitale del Kenya, Nairobi, si metterà in contatto con altri giornalisti cattolici in altri paesi dell'Africa per produrre e diffondere rapporti quotidiani attraverso una varietà di piattaforme digitali, tra cui sito Web, Twitter, Facebook e Instagram . Speriamo che attraverso i forum digitali, le attività della Chiesa nel continente africano saranno visibili e che le notizie quotidiane di ACI Africa contribuiranno, nel tempo, a un'immagine realistica dell'Africa che è stata spesso inquadrata negativamente.

Qual è la situazione della Chiesa in Africa ?

Affermare che l'Africa è grande e diversificata è una descrizione abbastanza accurata di questo ricco continente. La vastità geografica e le diversità culturali possono essere utilizzate per descrivere lo stato della Chiesa in Africa. Esistono otto conferenze regionali di vescovi cattolici in Africa, costituite da conferenze nazionali che sono una singola nazione o talvolta una combinazione di nazioni. ACI Africa viene lanciato quando l'organismo che unisce la leadership della Chiesa cattolica in Africa, il Simposio delle Conferenze episcopali di Africa e Madagascar (SECAM), ha appena celebrato il suo Giubileo d'oro nel paese dell'Africa orientale dell'Uganda, il suo luogo di nascita. La SECAM è stata fondata in Uganda nel luglio 1969 durante la prima visita in assoluto di un Papa in Africa.

La diversità culturale in Africa dal punto di vista della Chiesa è dimostrata nelle diverse lingue che la Sacra Bibbia è stata tradotta e attraverso la quale viene celebrata la Santa Eucaristia, i vari gradi dell'impatto dei dirigenti della Chiesa cattolica sulla società, dall'essere voci dei senza voce a essere profetico a volte essere tiepido e, in alcuni casi, solo tacere. Nel complesso, l'Africa rimane piuttosto fedele al cattolicesimo, con statistiche che mostrano una crescita costante. Concordo con coloro che hanno descritto l'Africa come gradualmente e costantemente diventando l'asse del cattolicesimo.

Personalmente mi sono occupato dello sviluppo di Catholic News Agency for Africa (CANAA) come progetto del SECAM. Tuttavia, a causa delle sfide poste dalla mobilitazione delle risorse, il progetto ha sofferto. Per un periodo di sei anni, non mi è sembrato di vedere il progetto arrivare a produrre contenuti originali perché mancavano le risorse.

L’idea ora è che ACI Africa possa pubblicare notizie quotidiane. ACI Africa potrebbe anche trovare la nicchia della produzione di contenuti giornalistici in cui alcune pubblicazioni istituzionali potrebbero pubblicare contenuti ufficiali.

ACI Africa per ora pubblica  in inglese e francese e nel giro di un anno anche in portoghese le grandi lingue ufficiali del Continente.

La nuova agenzia nasce alla vigilia del viaggio di Papa Francesco in Africa con una serie di articoli di preparazione alla visita,

Ti potrebbe interessare