CEI, servizio di ascolto e accompagnamento psicologico per i cappellani ospedalieri

Un'iniziativa dell’Ufficio nazionale per la pastorale della salute della Cei

Don Stefano Rizikilahy Cappellano Ospedale Provinciale San Camillo de Lellis di Rieti
Foto: salute.chiesadirieti.it
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

L’Ufficio nazionale per la pastorale della salute della Cei, in collaborazione con l’Aippc – Associazione italiana psicologi e psichiatri cattolici, organizza un servizio di ascolto e accompagnamento psicologico per i cappellani ospedalieri e i loro collaboratori in questo periodo di grande impegno contro il coronavirus.

“Si tratta di offrire un aiuto a una parte di Chiesa così esposta in prima linea nella lotta al Covid-19, di fronte alle nuove modalità in cui lo stress si sta manifestando nell’accompagnare spiritualmente il malato, i suoi familiari, gli operatori sanitari, altri operatori pastorali”, spiega in una nota il direttore don Massimo Angelelli.

Si vuole “creare un’occasione di dialogo per gestire l’impatto emotivo e così disinnescare (defusing) la carica potenzialmente traumatica. Questa attenzione specifica può e deve essere indirizzata ai curanti, a chi mai come oggi continua ad accompagnare i fratelli (il malato, l’operatore sanitario) impegnati al confine tra la vita e la morte, o chi vive un tipo di lutto inesistente in precedenza nel nostro orizzonte culturale, perché oggi vengono negati vicinanza, ultimo saluto, preghiera condivisa dei familiari”, dice ancora il direttore.

Ti potrebbe interessare