Commissione minori: non si lavora su casi singoli

Una conferenza della Commissione
Foto: CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“La Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori è stata creata da Papa Francesco nel 2014. Il Chirografo di Sua Santità Papa Francesco stabilisce specificatamente: “Compito specifico della Commissione sarà quello di propormi le iniziative più opportune per la protezione dei minori e degli adulti vulnerabili, sì da realizzare tutto quanto è possibile per assicurare che crimini come quelli accaduti non abbiano più a ripetersi nella Chiesa. La Commissione promuoverà, unitamente alla Congregazione per la Dottrina della Fede, la responsabilità delle Chiese particolari per la protezione di tutti i minori e degli adulti vulnerabili”.

E’ questa di fatto la unica risposta alle dichiarazioni pubbliche di Peter Saunders, membro della Commissione che da sabato è “in un periodo di aspettativa”.

Dopo due giorni di lavoro la Commissione oggi ha rilasciato un comunicato con una sintesi delle attività in corso. Nessun riferimento ufficiale al “caso Saunders” ma solo un modo di ribadire gli intenti della Commissione.

L’inglese ha rilasciato un comunicato molto duro in cui metteva in evidenza un caso specifico di abusi e di coperuta di abusi che voleva si trattattasse in Commissione, chiamando in causa anche lo stesso Papa.

Sabato mattina la Commissione aveva in poche righe dichiarato che si era “discusso l’orientamento e gli scopi della Commissione stessa. Come risultato della discussione si è deciso che il signor Peter Saunders prenderà un periodo di aspettativa dalla sua partecipazione come Membro per riflettere su come egli possa contribuire nel modo migliore al lavoro della Commissione.”

Nel comunicato di oggi si ricorda che “la Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori ha tenuto a Roma sette giorni di incontri. Gli incontri dei sei Gruppi di Lavoro si sono concentrati sull’aggiornamento dei progetti corroro lenti e sullo sviluppo e la stesura di proposte. I collaboratori esterni che hanno assistito i Gruppi di Lavoro comprendevano il “Catholic Fund for Overseas Development” (CAFOD) (Fondo Cattolico per lo Sviluppo d’Oltreoceano) e un esperto di Diritto Penale Canonico. Bozze di proposte sono state presentate all’Assemblea Plenaria per ulteriori discussioni e decisioni sulle politiche da sottoporre al Santo Padre. Le linee guida si adoperano per riconoscere la diversità di informazioni e orientamenti attualmente a disposizione della Chiesa nel mondo.

Esempi di proposte da sottoporre all’attenzione del Santo Padre Francesco includono: la richiesta di ricordare a tutte le autorità della Chiesa l’importanza di una risposta diretta alle vittime e ai superstiti che li avvicinano; l’istituzione di una Giornata Universale di Preghiera e di una liturgia penitenziale.

Nel corso dell’anno sono in programma alcuni seminari sugli aspetti legati alla Tutela dei Minori con la partecipazione di collaboratori esterni, al fine di stabilire maggiore trasparenza sui processi canonici. Alla prossima Assemblea Plenaria saranno presentati un rapporto ed alcune raccomandazioni. e sarà anche attivato un website per condividere le Buone Norme per la Tutela dei Minori nel mondo.

Allo scopo di realizzare la missione del Chirografo del Santo Padre per l’istituzione di una Commissione che promuova la responsabilità locale, i membri della Commissione sono attivamente in contatto con numerose Conferenze Episcopali, ed hanno presentato il tema della tutela dei minori alle Conferenze di Religiosi e alle Congregazioni.

Nel corso dello scorso anno i membri della Commissione hanno incontrato i Vescovi e le autorità che si occupano di tutela dei minori nelle Filippine, in Austria, nella Isole del Pacifico, in Nuova Zelanda, Scozia, Polonia, America Centrale (Costa Rica), United States National Safe Environment and Victims Assistance Coordinators (SECs) e i Coordinatori dell’Assistenza alle Vittime (VACs). A seguito dei seminari condotti dai membri della Commissione nell’agosto scorso nelle Filippine, la Conferenza Episcopale delle Filippine ha creato un ufficio per la tutela dei minori e ha formulato una Esortazione Pastorale sulla cura pastorale e la salvaguardia dei minori.

A marzo è in programma un incontro in Ghana con i Segretari Generali del Simposio delle Conferenze Episcopali dell’Africa e del Madagascar (SECAM), e un secondo incontro con i medici dell’Associazione di Membri delle Conferenze Episcopali nell’Africa orientale (AMECEA) in Tanzania che si occupano della tutela dei minori. I membri della Commissione partecipano anche alla Conferenza Anglofona di Tutela in corso a Roma e alla United States National Safe Environment and Victims Assistance Coordinators 2016 . Nel 2017 la Federazione delle Conferenze Episcopali dell’Asia (FABC) ha richiesto un seminario con i membri della Commissione.

Anche la Commissione ha accolto con favore il recente annuncio che fra una settimana, alla Pontificia Università Gregoriana, avrà inizio il primo corso di studi per conseguire un diploma per la Tutela dei Minori, con 19 partecipanti provenienti da quattro continenti: Africa, Europa, America e Asia.

L’incontro della Commissione del settembre 2016 avrà l’obiettivo strategico di tutelare i minori nelle scuole cattoliche, richiedendo contributi di esperti di America Latina, Inghilterra e Galles”.

Ti potrebbe interessare