Comunità il Mandorlo di Vicenza, per giovani in ricerca

La Comunità il Mandorlo è un'esperienza di vita comunitaria, di studio, di servizio, di condivisione e formazione della Diocesi di Vicenza. Ecco l'intervista al Responsabile

Comunità giovani Vicenza
Foto: Diocesi di Vicenza
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La Comunità il Mandorlo è un'esperienza di vita comunitaria, di studio, di servizio, di condivisione e formazione della Diocesi di Vicenza. Una comunità vocazionale propedeutica del Seminario di Vicenza, per giovani in ricerca che si interrogano sul proprio cammino. E sempre per i giovani la Comunità il Mandorlo ha pensato a varie iniziative in questo tempo di pandemia. ACI stampa ne ha parlato con Don Andrea Dani, responsabile della comunità vocazionale propedeutica "Il Mandorlo" - Seminario di Vicenza.

Lectio on chat. Di cosa si tratta e come è nata questa iniziativa ?

Da diversi anni, presso Il Mandorlo, la comunità vocazionale del Seminario di Vicenza, collocata nel contesto del Centro vocazionale diocesano Ora Decima, il lunedì sera si tiene un appuntamento di ascolto del Vangelo dedicato ai giovani. Poco più di un anno fa, all'inizio del lockdown che ci ha visti tutti confinati in casa senza la possibilità di muoverci, è stata proprio l'iniziativa di alcuni dei giovani più assidui a dare vita all'esperienza di Lectio on chat. Da mattina a sera hanno creato un gruppo WhatsApp inserendo i giovani che già frequentavano: la chat si attiva solo il lunedì sera, alle 20.30, quando vengono condivisi un invito alla preghiera, il testo del Vangelo della domenica successiva e una riflessione sul testo preparata, di volta in volta, da persone diverse, con l'invito, ciascuno da casa propria, a leggere e meditare sulla proposta. Alle 21.15 la chat si apre alla condivisione: chi vuole può scrivere una risonanza sul Vangelo, una riflessione, una semplice preghiera... Il tutto si conclude alle 22.00 con il Padre Nostro. Col passare delle settimane il gruppo si è allargato per passaparola e dopo averlo fatto conoscere attraverso i canali social del Mandorlo_OraDecima. Questa modalità ci ha permesso di mantenere il legame con l'appuntamento di lectio biblica dedicato ai giovani anche in un tempo in cui i contatti erano forzatamente limitati.

La comunità il Mandorlo della diocesi di Vicenza che cosa fa e di cosa si occupa in particolare ?
Il Mandorlo è la comunità vocazionale propedeutica del Seminario di Vicenza, il cammino di discernimento vocazionale per i giovani che chiedono di poter iniziare il cammino del Seminario diocesano. Si tratta di una esperienza di vita comunitaria, di studio, di servizio, di condivisione e formazione della durata di almeno un anno. Da ormai 5 anni la comunità (che nella nostra Diocesi è presente dal 1986) si trova negli ambienti di una parrocchia del centro di Vicenza dove sta anche il centro vocazionale diocesano Ora Decima, uno spazio di accoglienza e condivisione per giovani (maschi e femmine) in ricerca vocazionale. Come responsabile del Mandorlo, abito e condivido il servizio insieme ad un altro prete che è referente della Pastorale Vocazionale diocesana. Insieme curiamo le proposte, i percorsi e le iniziative di formazione, di preghiera e di accompagnamento del Centro vocazionale.

Quale è il modo più giusto oggi per restare accanto ai fedeli nonostante la pandemia? Il nord Italia è stato molto colpito dal COVID-19
La domanda è impegnativa, e personalmente non so dire se ci sia una univoca ricetta capace di rispondere. La pandemia, con le distanze che ha implicato e le tante sofferenze che ha creato, anche oltre l'aspetto sanitario, ci ha messi tutti in questione, anche come Chiesa chiamata alla prossimità. Gli strumenti che abbiamo sono quelli di tutti: sappiamo di quanto la modalità dei contatti a distanza offerti dalla tecnologia sia stata una risorsa enorme anche nella pastorale. Allo stesso tempo tutti ne sperimentiamo i limiti. Al di là della metodologia, sono convinto della fondamentale importanza dello stile della nostra vicinanza in quanto Chiesa, stile che deve essere dettato dal messaggio di speranza proprio del Vangelo, uno stile che in ogni contatto deve far trasparire e prevalere la fiducia, quella nel Signore della vita che non abbandona neppure nella prova più faticosa e che sta alla radice di ogni nostro impegno.

Ti potrebbe interessare