Dalle Diocesi: La vita è futuro, la celebrazione della Giornata per la Vita

Giornata per la vita 2019
Foto: www.diocesiarianolacedonia.it
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Domani, 3 febbraio, si celebra in Italia la 41° Giornata Nazionale per la Vita. Saranno tante le diocesi e le parrocchie del nostro Paese, insieme a varie associazioni, che promuoveranno iniziative di riflessione sul dono della vita in un tempo in cui si parla di “inverno demografico” come ha ricordato mercoledì Papa Francesco durante la consueta udienza generale.

È vita, è futuro” il tema scelto dai vescovi italiani accompagnato da un messaggio nel quale si sottolinea che la vita e il futuro sono nella famiglia e che l’esistenza è “il dono più prezioso fatto all’uomo, attraverso il quale siamo chiamati a partecipare al soffio vitale di Dio nel figlio suo Gesù”. I presuli italiani invitano a costruire una “solidale ‘alleanza tra le generazioni’”: solo così si consolida “la certezza per il domani dei nostri figli e si spalanca l’orizzonte del dono di sé, che riempie di senso l’esistenza”. Da qui la necessità, dicono i presuli italiani, di un “patto per la natalità” che coinvolga “tutte le forze culturali e politiche e, oltre ogni sterile contrapposizione, riconosca la famiglia come grembo generativo del nostro Paese”.

“La vita fragile si genera in un abbraccio” che chiama “all’accoglienza della vita prima e dopo la nascita, in ogni condizione e circostanza in cui essa è debole, minacciata e bisognosa dell’essenziale” e alla “cura di chi soffre per la malattia, per la violenza subita o per l’emarginazione”, si evidenzia nel messaggio al centro delle riflessioni di questi giorni nelle realtà diocesane e parrocchiali italiane.

Nella diocesi del Papa, Roma, giovedì scorso il cardinale vicario Angelo De Donatis  ha visitato il consultorio diocesano “Al Quadraro” mentre ieri si è svolto un convegno al Pontificio Seminario Romano Maggiore sul Messaggio del Consiglio permanente della Cei.  Durante la conferenza, sono stati presentati due progetti: “Noi e i nonni”, che coinvolge alcune scuole di Roma e punta, attraverso il legame tra nonni e nipoti, a trasmettere la memoria storica da una generazione all’altra; ed “Educautismo”, realizzato con l’Istituto superiore di sanità e la Asl di Latina, che intende creare una rete capace di interagire con il bambino autistico per stimolarne le abilità cognitive e supportare il nucleo familiare.

Domani, domenica 3 febbraio, il vescovo ausiliare per il settore Sud, mons. Paolo Lojudice presiederà la Messa nella parrocchia di San Giovanni Evangelista a Spinaceto; quindi terrà un incontro con le famiglie incentrato su “Accogliersi per accogliere”.

Dal Centro alla Sicilia: nella diocesi di Caltagirone la giornata promossa da Azione Cattolica Italiana e Centro Aiuto alla Vita sul tema “Proclamare la pace per promuovere la vita”.

Al Nord il tradizionale pellegrinaggio al Santuario di S. Luca, a Bologna, che si concluderà con una celebrazione presieduta dall’arcivescovo, mons. Matteo Zuppi. Tra le associazioni che aderiscono all’iniziativa  Azione cattolica, Fondazione don Mario Campidori, Seminario Arcivescovile, Centro G.P. Dore, Associazione Famiglie per l’Accoglienza, Amber, Centro volontari della Sofferenza, Comunità Papa Giovanni XXIII, Servizio accoglienza alla Vita (Sav), Movimento per la vita.

Da ieri nella diocesi di San Marino-Montefeltro tre incontri sull’ “Humanae Vitae” per sensibilizzare i fedeli sul tema dell’accoglienza della vita. L’iniziativa si inserisce nella programmazione della Giornata per la vita e della Giornata del malato. Si tratta di “un lungo tempo di riflessione e preghiera, avviato a dicembre con la veglia per la vita nascente dagli Uffici per la pastorale familiare e del lavoro e dalle associazioni laicali della diocesi”, spiega una nota.

In Campania, nella diocesi di Aversa, da domani la Settimana per la Vita. “Siamo consapevoli della grande importanza che l’attenzione e la riflessione sulla vita hanno oggi nella vita dell’umanità”, commenta il vescovo mons. Angelo Spinillo: una consapevolezza, dunque, tradotta nella riproposizione di un’intera settimana di eventi, dal 3 all’11 febbraio, dedicati alla celebrazione di quello che papa Giovanni Paolo II definiva “Il Vangelo della vita”. “In ogni sua ricerca – aggiunge il vescovo  – perfino quando scivola nel peccato, l’umanità sente di portare nell’anima una grande sete di vita, un desiderio di infinito capace di superare i limiti e i condizionamenti che ordinariamente la imprigionano”. L’apertura della Settimana è affidata alla Carovana per la Pace organizzata dall’Azione Cattolica Ragazzi, in programma a Casal di Principe, mentre nelle Parrocchie la giornata prevede una  Celebrazione Eucaristica con le famiglie in attesa. Seguiranno una serie di incontri che avranno come momento centrale dal punto di vista pastorale il Convegno Diocesano “La via umana offre alla Chiesa le parole giuste per dire il Vangelo, che si terrà martedì 5 febbraio alle 18,00 nella Chiesa Cattedrale e vedrà l’intervento di don Vinicio Albanesi, Presidente della Comunità di Capodarco. A chiudere l’intensa settimana, la celebrazione della XXVII Giornata Mondiale del Malato, “Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date”, di lunedì 11 febbraio alle ore 18,00 in Cattedrale. “È nostro pieno impegno pastorale annunziare la vita, come dono di Dio che chiama l’umanità a guardare con speranza al futuro”, conclude mons. Spinillo.

Ti potrebbe interessare