Degrado di Roma, la preoccupazione de L'Osservatore Romano

L'Osservatore Romano
Foto: L'Osservatore Romano
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Dopo il New York Times e Le Monde anche L'Osservatore Romano interviene nel dibattito circa il degrado in cui sta versando ormai da mesi la città di Roma.

Ieri, in un pezzo apparso a pagina del 2 del quotidiano della Santa Sede dal titolo "Fiumicino ultima frontiera", trapelata la preoccupazione di Oltretevere - seppur senza mai farne esplicito riferimento - in vista del Giubileo della Misericordia che si aprirà solennemente il prossimo 8 dicembre.

"Fiumicino - scrive L'Osservatore Romano - è solo la punta dell’iceberg. Dopo Mafia capitale, la crisi dell’Ama e dell’Atac, gli scandali che hanno colpito la pubblica amministrazione — come testimoniato anche dalla relazione del prefetto Gabrielli — e il cambio della terza giunta comunale in poco più di un anno e mezzo, Roma è ormai un caso politico. Lo stesso presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha parlato ieri — commentando l’incendio all’aeroporto — di una situazione intollerabile".

L'altro ieri il Sindaco di Roma Ignazio Marino ha presentato la nuova giunta con innesti fondamentali in vista del Giubileo: il Vicesindaco e Assessore al Bilancio Causi e l'Assessore alla Mobilità e ai Trasporti Esposito. Lo stesso Marino - ieri - in una intervista al Corriere della Sera ha ammesso i ritardi organizzativi in vista dell'Anno Santo. "Ci sono ritardi oggettivi - ha ammesso il Primo Cittadino - ma questa fiducia che il presidente del Consiglio ha voluto accordare alla mia amministrazione si aggiunge la notizia che martedì 4 agosto a Palazzo Chigi si sbloccherà tutto", non escludendo l'ipotesi di un commissario nominato dal Governo per l'organizzazione del Giubileo.

Marino, inoltre, ha ricordato che "questo è il primo Giubileo dopo l’11 settembre 2001 e nell’epoca dell’Isis. Tutte le indicazioni che abbiamo dai servizi segreti americani, come mi hanno confermato i sindaci statunitensi con i quali ho parlato recentemente, parlano di rischi concreti di atti terroristici per l’Italia e Roma. E io non ho la possibilità di difendere la capitale dal terrorismo con la polizia locale".

Tuttavia fonti dell'intelligence italiana - citate dalle agenzie di stampa - hanno spiegato che c'è "la massima attenzione, ma non c'è alcun segnale specifico" di attentati in preparazione per il Giubileo. Tutto è "attentamente monitorato ed al momento non ci sono allarmi concreti nè indicazioni particolari da parte dell’intelligence dei Paesi alleati sulla possibilità di atti terroristici".

Nonostante dunque i ripetuti incontri tra il Sindaco di Roma e la delegazione vaticana incaricata dell'organizzazione del Giubileo e la partecipazione di Marino al meeting dei sindaci organizzato dalla Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, L'Osservatore Romano esprime la sua preoccupazione per la condizione in cui versa la Città Eterna. 

Ti potrebbe interessare