Diocesi di Roma, arriva l'accordo: aule del catechismo a disposizione delle scuole

Il documento stabilisce che parte delle prestazioni didattiche pubbliche si possano svolgere, nelle condizioni di maggiore sicurezza possibile, negli spazi ecclesiastici

Scuola
Foto: Diocesi di Milano
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Aule del catechismo e spazi parrocchiali a disposizione delle scuole romane per favorire a settembre la ripresa delle attività scolastiche. La proposta avanzata qualche giorno fa dalla Diocesi di Roma è diventato ieri un protocollo d'intesa.

Il Cardinale vicario Angelo De Donatis, la sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi e il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale per il Lazio Rocco Pinneri hanno firmato nella giornata di ieri il protocollo di intesa "finalizzato alla formalizzazione della comune intenzione di elaborare e attuare un progetto di collaborazione per la ripresa dell’attività scolastica ed educativa in Roma”.

A ufficializzare la notizia è la Diocesi di Roma: "Il documento stabilisce che parte delle prestazioni didattiche pubbliche si possano svolgere, nelle condizioni di maggiore sicurezza possibile, negli spazi ecclesiastici".

Sul sito della Diocesi di Roma spiegano: "Roma Capitale e Città metropolitana di Roma Capitale procederanno, con l’ausilio dell’Ufficio scolastico regionale per il Lazio e dei competenti dirigenti scolastici, all’effettuazione di una ricognizione dei fabbisogni di ulteriori spazi utili e segnaleranno al Vicariato le esigenze rilevate, specificando altresì l’area urbana di interesse e fornendo, per ciascun istituto, informazioni sulla popolazione scolastica servita. Dal canto suo, il Vicariato farà da tramite con le parrocchie e gli altri enti religiosi, che «metteranno a disposizione, secondo le proprie possibilità, ambienti chiusi e aree scoperte che possano consentire ai diversi istituti di ampliare lo spazio-scuola e rispettare con maggiore cura le indicazioni (in primis il “distanziamento fisico”) fornite dalle autorità governative e sanitarie per prevenire, nel contesto scolastico, forme di contagio da Covid-19".

Tutti gli interventi saranno a carico delle parti proponenti, ma dovranno essere sottoposti al Vicariato di Roma.

"Sarà cura di Roma Capitale e Città metropolitana attivarsi anche per la necessaria copertura assicurativa e per garantire la pulizia e il decoro degli spazi utilizzati. I rapporti tra istituzioni, parrocchie o enti religiosi e scuole verranno regolati tramite specifici contratti di comodato, per stabilire nel dettaglio orari, ambienti utilizzati, tipologia di attività da svolgere", spiegano ancora.

"Il protocollo è valido fino al termine dell’anno scolastico 2020-2021, ma non è escluso che possa essere prorogato, in base sia all’esperienza maturata nell’attuazione del Progetto sia all’andamento della situazione epidemiologica generale", si legge ancora sul sito.

Ti potrebbe interessare