"Disabiliteat": giovani disabili chef ad Expo2015 per dire si all'accoglienza

L'invito dell'evento
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Si chiama “Disabiliteat: l'empowerment delle persone con disabilità” l’evento che farà cimentare ai fornelli di Expo2015 venti ragazzi e ragazze con disabilità, esperti nel campo della ristorazione e provenienti da cinque diversi ristoranti italiani.

Promosso dall'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù in collaborazione con la Caritas Ambrosiana della Diocesi di Milano nell'ambito delle iniziative della Santa Sede a Expo 2015, l’appuntamento vedrà in campo i giovani che indossati grembiuli da cuoco e toque blanche (tradizionale cappello da chef), si occuperanno della preparazione di un menù di 6 portate, dall'antipasto al dolce, e del servizio in sala per 90 ospiti.

L’appuntamento è fissato per giovedì 15 ottobre, alle ore 11, presso il Refettorio Ambrosiano di Milano, l’ex teatro divenuto un luogo solidale completamente ristrutturato da grandi artisti e designer italiani dove le persone in difficoltà possono trovare un pasto e soprattutto accoglienza.

La giornata si aprirà con gli interventi di Mariella Enoc, presidente dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù; Bruno Dallapiccola, direttore scientifico dell'Ospedale della Santa Sede; Maurizio Sacconi, presidente della Commissione Lavoro del Senato, Renza Barbon Galluppi, responsabile Centro Studi UNIAMO FIMR Onlus e Ruggero Gabbai, presidente Commissione Expo Milano 2015.

Il pranzo, preparato dagli chef nella grande cucina a vista del Refettorio, sarà preceduto dalle testimonianze delle associazioni impegnate nell'inserimento delle persone con disabilità e dal racconto delle esperienze delle persone con abilità differenti che hanno trovato spazio nel mondo del lavoro.

Ti potrebbe interessare