Galantino: "Immorale speculare sulla paura". Novità dal prossimo Consiglio permanente

Monsignor Nunzio Galantino
Foto: MM - ACI Stampa
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

I Vescovi italiani rivolgono agli italiani un duplice appello in vista delle elezioni politiche del 4 marzo: “agli elettori, perché superino senza esitazione ogni tentazione di astensionismo; ai candidati, perché avvertano la necessità di un cammino formativo e la responsabilità di mantenere per tutta la durata del mandato un vero rapporto con la base. Entrambe sono condizioni essenziali per conoscere da vicino e, quindi, affrontare i problemi che toccano la vita reale della gente”. E’ quanto emerge dal Comunicato finale del Consiglio Episcopale Permanente della CEI che si è svolto a Roma, ed aperto lunedì scorso dalla prolusione del Cardinale Presidente Gualtiero Bassetti

E’ stata anche approvata la proposta del Cardinale Bassetti “di promuovere come Conferenza Episcopale Italiana un Incontro di riflessione e di spiritualità per la pace nel Mediterraneo, coinvolgendo i Vescovi cattolici di rito latino e orientale dei Paesi che si affacciano sulle sponde del Mediterraneo”.

Ribadita inoltre l’importanza di quanto emerso nella 48ª Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, così come l’unità d’intenti e d’azione per il dopo-sisma che ha devastato parte dell’Italia Centrale nel 2016.

Presentando il comunicato finale, è intervenuto Monsignor Nunzio Galantino, Segretario Generale della CEI. Il pensiero del presule è andato all’incidente ferroviario di stamane in Lombardia. “Il deragliamento del treno dei pendolari con morti e feriti deve rappresentare un allarme da prendere sul serio, perché questi episodi si stanno moltiplicando. Con la dovuta partecipazione, noi vescovi come cittadini dobbiamo augurarci che questi eventi ci insegnino che la sicurezza non è un capitolo tra gli altri, nel quale si risparmia a spese delle persone. E’ un prezzo troppo alto quello che si sta pagando con  il dolore per le perdite e la fatica di sopportare queste cose. Vorrei richiamare l’urgenza e necessità che chi di dovere metta testa e cuore al tema della sicurezza”.

Galantino ha poi annunciato una novità procedurale del Consiglio Permanente, ovvero l’abolizione della prolusione introduttiva: “Dalla prossima riunione diffonderemo il comunicato conclusivo perché contiene i contenuti proposti dal presidente ma dopo il dibattito tra i vescovi”.

Infine Monsignor Galantino ha ribadito come sia “immorale speculare sulla comprensibile e giustificabile paura suscitata dall'ondata migratoria. Farsi condizionare da questa paura è male. Speculare su di essa a fini elettorali è peccato. Se la Chiesa si interessa di questo tema è un diritto-dovere che deriva dal Vangelo la passione per i poveri, i migranti e i rifugiati. E' immorale poi dire cose, fare promesse che non si sa di voler o poter mantenere, o persino si sa di non poterlo fare”.

Ti potrebbe interessare