I 90 anni del Cardinale Ruini

Il porporato è stato uno tra i più stretti collaboratori di San Giovanni Paolo II

Il Cardinale Camillo Ruini
Foto: Alan Holdren CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il Cardinale Camillo Ruini, tra i più stretti e fidati collaboratori di San Giovanni Paolo II, compie oggi 90 anni. E’ nato a Sassuolo il 19 febbraio 1931.

Dopo aver studiato filosofia e teologia presso la Pontificia Università Gregoriana, è stato ordinato presbitero l’8 dicembre 1954. Presso la diocesi di Reggio Emilia ha poi insegnato teologia dogmatica presso il seminario locale.

Nel 1983 Papa Giovanni Paolo II lo ha eletto Vescovo titolare di Nepte e ausiliare di Reggio Emilia.

Nel 1986 è stato nominato Segretario Generale della Conferenza Episcopale Italiana sotto la presidenza del Cardinale Ugo Poletti.

Il 17 gennaio 1991 Giovanni Paolo II lo ha scelto quale Pro-Vicario Generale per la Diocesi di Roma e il 7 marzo successivo lo ha nominato Presidente della Conferenza Episcopale Italiana. Il 28 giugno dello stesso anno è stato creato Cardinale di Santa Romana Chiesa, del titolo di Sant’Agnese fuori le Mura. Il 1° luglio diviene Vicario Generale di Roma, Arciprete della Basilica di San Giovanni in Laterano e Gran Cancelliere della Pontificia Università Lateranense.

“Sono certo di trovare in Lei – scriveva Giovanni Paolo II nella lettera di nomina a Pro-Vicario di Roma - un collaboratore esperto, fidato, generoso, che saprà posporre ogni altro interesse alla cura assidua e affettuosa della Città”.

Come Presidente della Cei viene riconfermato da Giovanni Paolo II 1996 e nel 2001. Benedetto XVI lo conferma fino al 2007, quando gli succede il futuro Cardinale Angelo Bagnasco.

Nel 2008 – dopo essere stato confermato da Benedetto XVI nel 2005 – rinuncia per raggiunti limiti di età agli incarichi di Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma, Arciprete della Basilica di San Giovanni in Laterano e Gran Cancelliere della Pontificia Università Lateranense.  

Nella lettera per i 25 anni di episcopato, Benedetto XVI parlava così del suo Vicario: “Nella Chiesa di Roma tutti hanno potuto constatare la Sua grande capacità di lavoro, la Sua fede semplice e schietta, la Sua intelligente creatività pastorale, la Sua fedeltà all’identità viva dell’Istituzione attraverso l’unione con il Papa anche in mezzo alle difficoltà, il Suo fiducioso e sorridente ottimismo”.

Benedetto XVI si è avvalso della sua competenza nel 2010, affidandogli l’incarico di Presidente della Commissione internazionale d’inchiesta su Medjugorje.

Ha partecipato al conclave del 2005 che ha eletto Papa Benedetto XVI.

Stamane il Cardinale Ruini ha ricevuto gli auguri da parte della CEI. "Il suo - ha scritto nel messaggio augurale il Cardinale Bassetti - è stato vero amore alla Chiesa, alle persone che formano la comunità cristiana, agli uomini e alle donne che hanno abitato la Sua storia e non solo. Resta come consegna alle future generazioni la Sua capacità di custodire gli insegnamenti del Concilio Vaticano II".

Ti potrebbe interessare