I cristiani francesi per parlare di clima prima del Vertice di Parigi

La locandina della manifestazione
Foto: Diocesi di Sant' Etienne
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

In attesa del vertice di Parigi la diocesi francese di Saint-Étienne dal 28 al 30 agosto organizza la seconda Assemblea cristiana sull’ecologia. La prima assemblea nel 2011 è stata un successo ed è stata realizzata con il Forum “Cristiani uniti per la Terra”, e con il patrocinio della Conferenza episcopale francese.

“Il 2015, spiegano gli organizzatori, ci offre un’occasione particolare di riflessione, grazie alla pubblicazione dell’Enciclica Laudato si’ di Papa Francesco ed alla Conferenza internazionale sui cambiamenti climatici (Cop21), in programma a Parigi il prossimo dicembre”. Attraverso conferenze, tavole rotonde, momenti di preghiera ed incontri culturali, si cercherà quindi di “giocare fino in fondo la carta della convivialità e della condivisione” per “disegnare insieme i contorni di una società più giusta e più rispettosa del Creato”.

Lo scopo è quello di comprendere “l’urgenza di andare verso una società di felice sobrietà”, come indicato anche da Papa Francesco nell’Enciclica Laudato si’, in cui si legge: “La sobrietà, vissuta con libertà e consapevolezza, è liberante. Tra i numerosi relatori che saranno presenti all’evento, anche il card. Philippe Barbarin, arcivescovo di Lione, il quale sabato 28 agosto interverrà sul tema “In cosa la crisi ci interpella sul piano etico e spirituale?”. A carattere interreligioso sarà, invece, la sessione del 30 agosto in cui si discuterà de “La crisi ecologica: come mobilitare le religioni?”, con interventi di mons. Bruno Feillet, vescovo ausiliare di Reims ed incaricato delle questioni ambientali e climatiche all’interno del Consiglio episcopale Famiglia e società; Amouar Kbibech, presidente del Consiglio francese di culto musulmano; Yeshaya Dalsace, rabbino a Parigi, e Cristian Krieger, vicepresidente della Federazione protestante di Francia.

Ti potrebbe interessare