I fondi del padiglione Expo Santa Sede destinati ai rifugiati in Giordania

Rifugiati in un campo profughi
Foto: Catholic News Agency
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

I fondi raccolti all’interno del padiglione della Santa Sede a EXPO Milano 2015 sono stati destinati al progetto “Promoting job opportunities for displaced Iraqis in Jordan”, che sarà realizzato dalla Caritas Giordania presso il Centro di Santa Maria della Pace di Amman. La cifra destinata all’iniziativa è di 150 mila dollari, offerti liberamente dai numerosi visitatori del padiglione della Santa Sede. La decisione è stata presa in ossequio alla volontà espressa dal Papa. Lo ha comunicato il Pontificio Consiglio Cor Unum.

Questo progetto - spiega lo stesso Cor Unum - viene "incontro al desiderio di Papa Francesco di impiegare quanto raccolto all’interno del padiglione in favore delle fasce più deboli che stanno soffrendo gli esiti della guerra in Siria e Iraq: ovvero i rifugiati, le loro famiglie e i loro figli, che in un gran numero si trovano oggi in Giordania".

Nella sola Giordania sono 130.000 i rifugiati iracheni, 1 milione e 300.000 quelli siriani. E questi numeri riguardano solo le persone registrate presso gli uffici dell'ONU.

Con questi fondi si punta ad offrire un impiego retribuito a 15 rifugiati iracheni e alle rispettive famiglie. Il progetto fornirà anche un percorso di formazione professionale di falegnameria, agricoltura e industria alimentare per circa 200 iracheni. La cifra stanziata - prevede Cor Unum - coprirà le spese per i primi sei mesi, mentre la fase di auto-sostentamento dovrebbe iniziare subito dopo grazie al ricavato delle vendite dei prodotti. Il progetto sarà inaugurato dopodomani, 12 maggio.

Ti potrebbe interessare