I Vescovi dell'Asia Centrale in visita ad limina da Papa Francesco

Il Vescovo di Almaty, Mons. José Luis Mumbiela
Foto: YouTube
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Riprendono le visite ad limina delle diverse conferenze episcopali. A giungere a Roma in questi giorni per incontrare Papa Francesco sono i Vescovi dell'Asia Centrale, che comprendono Kazakistan, Kyrghizistan, Tajikistan, Turkmenistan e Uzbekistan.

I cattolici in Kazakistan sono una assoluta minoranza: circa 250.000 su una popolazione complessiva di 15 milioni di persone.

La Chiesa cattolica è strutturata attualmente in una sede metropolitana, due diocesi suffraganee ed una amministrazione apostolica: nello specifico la Arcidiocesi di Maria Santissima in Astana, le due diocesi della Santissima Trinità in Almaty e quella di Karaganda. A queste si somma l'amministrazione apostolica di Atyrau.

Presidente della Conferenza episcopale kazaka è il vescovo della Santissima Trinità in Almaty, José Luís Mumbiela Sierra.

In Kyrghizistan la presenza dei cattolici è minima: circa 500 fedeli su oltre 5 milioni e mezzo di abitanti. I fedeli sono affidati alle cure pastorali di una comunità di Gesuiti: l'amministratore apostolico è Padre Anthony James Corcoran.

La Chiesa Cattolica nella Repubblica del Tajikistan è invece strutturata in una missione sui iuris. I cattolici sono poco più di 300 persone su un totale di 7 milioni di abitanti.

Anche nel Turkmenistan la Chiesa cattolica è strutturata in una missione sui iuris, affidata ai missionari Oblati di Maria Immacolata. I cattolici sono circa 500, a fronte di una popolazione di 5 milioni di abitanti.

Dal 2005 la Chiesa cattolica in Uzbekistan è passata da missione sui iuris ad amministrazione apostolica. La cura pastorale dei circa 5000 cattolici presenti sul territorio è affidata ai Frati Minori Conventuali.

Ti potrebbe interessare