Il Beato Raimondo Lullo: missione ed evangelizzazione

Francescano, è stato beatificato da Pio IX nel 1850

Il Beato Raimondo Lullo
Foto: pubblico dominio
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

L'esistenza, alle volte, è strana. Cosi è stata la vita del beato Raimondo Lullo. Laico del Terz'Ordine Regolare, studioso di matematica, astronomia e scrittore. Ma se ciò è già molto, gran parte della propria esperienza il beato l'ha trascorsa per la diffusione del vangelo.

Nato nel 1235 nell'isola di Maiorca da una nobile famiglia, si dedica agli studi ed alla politica seguendo il Re di Aragona.

Intorno ai trent'anni abbandona tutto per seguire la voce di Cristo che lo impegna in una maggiore sequela. Una mozione interiore o una visione segnano il cammino di conversione.

Entrato nell'Ordine francescano viaggia moltissimo: Roma, Parigi, il Sud dell'Europa ed il Nord Africa sono le terre solcate dalla propria predicazione.

Animo contemplativo, diffonde con gli scritti i principi della fede cattolica.

Tra le tante espressioni che restano della sua fede si ricorda: ”Quanto più sono angusti i cammini per i quali l'amico va al suo Amato, tanto più estesi sono gli amori”.

Innamorato del Francescanesimo, è un autentico seguace della vita del Poverello di Assisi.

Attivissimo nel dialogo interreligioso promuove la fondazione di un Collegio per lo studio delle lingue e per l'evangelizzazione. Spira nel 1316 di ritorno da un viaggio missionario.

Nel 1850 il Papa Pio IX lo proclama Beato.

Ti potrebbe interessare