Il Cardinale Omella: "L'Europa è un continente che deve dare speranza"

L'Arcivescovo di Barcellona ha partecipato al meeting di Bari Mediterraneo frontiera di pace

Il Cardinale Juan Josè Omella, Arcivescovo di Barcellona
Foto: Daniel Ibanez CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Domenica scorsa Papa Francesco ha chiuso il meeting Mediterraneo frontiera di pace, organizzato a Bari dalla Conferenza Episcopale Italiana con la presenza di una sessantina di vescovi di diocesi che si affacciano sul Mare Nostrum. Tra i presenti anche il Cardinale Juan Josè Omella, Arcivescovo di Barcellona. Acistampa lo ha intervistato per tracciare un bilancio conclusivo di questo incontro.

Una grande allegria partecipare in un incontro con le chiese che conformano il Mediterraneo, soprattutto per conoscerle meglio. E in qualche modo renderci partecipi delle gioie e delle pene, delle sofferenze, che è la Gaudium et Spes, capitolo primo, che ci dice che le gioie e le sofferenze del mondo sono anche le nostre.  Ma io lo traduco, le gioie e le sofferenze anche delle chiese che conformano il Mediterraneo devono essere anche le nostre e di tutti. Io credo che quella conoscenza mutua che è cresciuta è un gran segno di comunione per avanzare nel cammino della pace.

Il Papa ha voluto chiudere questo incontro. Quale significato legge nella presenza di Francesco a Bari?

Io credo che il Papa in qualche modo ci ha lanciato tutti verso una Chiesa in uscita. Non possiamo rinchiuderci nelle nostre proprie comunità, nelle nostre chiese, invece dobbiamo insieme aprirci al mondo, come missionari, come apostoli, per annunciare il gran tesoro, la grande gioia del Vangelo, del messaggio di Gesù. Lui ci ha dato il programma appena nominato Papa, appena iniziato il suo ministero petrino, che è la Evangelii Gaudium. Cioè la gioia del Vangelo che dobbiamo portare. Per noi, chiese del Mediterraneo, ed essendo il Papa presente in questo incontro, ci sta dicendo di continuare a seguire quel cammino di apertura, di Chiesa in uscita, ma gioiosamente, perché abbiamo un messaggio bellissimo di pace da portare al mondo.

Anche l’Europa dovrebbe essere in uscita?

E’ evidente, è evidente. Io credo sia una sfida per la Chiesa ma anche per il Mondo. Perché per la Chiesa è segno di comunione per il mondo. Quindi mostrare alle nazioni europee che sono un pò invecchiate, e che hanno i loro piccoli momenti di dubbio adesso con la Brexit, ad esempio, problemi economici, problemi sociali, problemi della vita. Dirgli: sentite, dobbiamo vivere uniti e siamo un continente che deve dare speranza.

Questo è stato un incontro per portare speranza al Mediterraneo e all’Europa intera?

Voglia essere quello. Perché il messaggio di Gesù è un messaggio di speranza. E la creazione della Comunità Europea è stata fata da degli uomini che serbavano nel loro cuore la speranza come De Gasperi, Schuman, gli ideatori della Comunità Europea, portavano nel loro cuore un messaggio di speranza. Dobbiamo tornare a quelle radici di speranza e di comunione con tutti.

Ti potrebbe interessare