Il Papa ai cappuccini: siate grandi "perdonatori"

Il Papa celebra la Messa con i Cappucini
Foto: CTV
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Una messa familiare, intima, al fianco delle spoglie dei due santi cappuccini che hanno messa al centro della vita la confessione, cioè la conversione e il perdono.

Il Papa questa mattina invece di celebrare a Santa Marta è sceso in basilica per celebrare con i frati cappuccini che in questi giorni accompagnano i loro santi.

Francesco prende spunto dal Vangelo e ripropone il suo costante insegnamento sulla confessione e sul perdono.

“I grandi peccatori davanti alla grandezza di Dio sanno cosa è il perdono”, dice ricordando il manzoniano Fra Cristoforo, “ascolta Signore e perdona perché sanno pregare così sanno perdonare.”

E ancora dice del confessore che  “se si dimentica la necessità che ha di perdono lentamente ci si dimentica di Dio e non sa perdonare”.

Invece chi “come i maestri della legge che si sentono puri e maestri sanno soltanto condannare”.

E aggiunge: “Se non puoi dare l’assoluzione per favore non bastonare, quello che viene viene a cercare conforto perdono e pace che trovi un padre”.

Rivolto ai cappuccini dice: “avete questo speciale dono del Signore perdonare e vi chiedo non stancatevi di perdonare” perché “sempre trovava il modo di perdonare o almeno di lasciare l’anima in pace”. Poi un racconto di un confessore “ un gran perdonatore”......che pregava davanti al Sacramento “ Signore sei stato tu a darmi il cattivo esempio”.

Il Papa parla del linguaggio dei gesti: “se una persona si avvicina al confessionale è perché vorrebbe cambiare e lo dice con il gesto di avvicinarsi”. Per questo “non è necessario fare delle domande” perché  “se viene è perché nella sua anima non vorrebbe farlo più” però “ tante volte non possono perché sono condizionati dalla psicologia, dalla vita, dalle situazioni. Ad impossibilia nemo tenetur”. Allora dice il Papa non si deve cadere nel pelagianismi: siate grandi perdonatori.

Perché chi non sa perdonare diventa un grande condannatore e, spiega il Papa “chi lo è nella bIbbia? Il Diavolo”.

E aggiunge il Papa: “dico a tutti sacerdoti che vanno a confessare di essere umili. Magari dite io celebro, lavo i pavimenti, ma confessare no perché non so farlo bene”.

E il Papa ha concluso la sua riflessione chiedendo per tutti la grazia di essere buoni confessori.

La messa è stata celebrata all’ altare della cattedra, a concelebrare con il Papa anche i cardinali del C9 che in questi giorni sono al lavoro con il Papa.

 

Ti potrebbe interessare