Il Papa ai giovani confessori, non siete i padroni delle coscienze

Il Papa si confessa
Foto: Vatican Media/ Aci Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Giovani tra i giovani i confessori dice Papa Francesco ai partecipanti al corso della Penitenzieria apostolica, hanno lo stesso linguaggio, un vantaggio certo, ma anche un rischio perché, dice il Papa “siete all’inizio del vostro ministero e dunque dovete ancora acquisire tutto quel bagaglio di esperienza che un “confessore consumato” ha, dopo decenni di ascolto dei penitenti”.

Il Papa ha spiegato ai giovani confessori “Quali attenzioni avere nell’ascolto delle confessioni sacramentali, soprattutto dei giovani, anche in ordine ad un eventuale discernimento vocazionale”.

Strumenti di misericordia e non “padroni delle coscienze” dice il Papa perché “essere strumenti non è una diminuzione del ministero, ma, al contrario, ne è la piena realizzazione, poiché nella misura in cui scompare il sacerdote ed appare più chiaramente Cristo sommo ed eterno Sacerdote, si realizza la nostra vocazione di “servi inutili””.

E ancora il Papa indica il metodo del “saper ascoltare le domande, prima di offrire le risposte” perché “il confessore è chiamato ad essere uomo dell’ascolto: ascolto umano del penitente e ascolto divino dello Spirito Santo” e “ogni giovane dovrebbe poter udire la voce di Dio sia nella propria coscienza, sia attraverso l’ascolto della Parola”.

Ecco il senso del ruolo del Padre spirituale perché “discernimento vocazionale è anzitutto una lettura dei segni, che Dio stesso ha già posto nella vita del giovane, attraverso le sue qualità e inclinazioni personali, attraverso gli incontri fatti, e attraverso la preghiera”.  E “la vocazione è il rapporto stesso con Gesù: rapporto vitale e imprescindibile”.

E il confessore è “testimone nel senso di “martire”, chiamato a com-patire per i peccati dei fratelli, come il Signore Gesù; e poi testimone della misericordia, di quel cuore del Vangelo che è l’abbraccio del Padre al figlio prodigo che torna a casa”.

La testimonianza è misericordia e il Papa chiede ai giovani confessori di essere “testimoni della misericordia”, e “umili ascoltatori dei giovani e della volontà di Dio per loro, siate sempre rispettosi della coscienza e della libertà di chi si accosta al confessionale, perché Dio stesso ama la loro libertà”.

Nel suo saluto iniziale il Penitenziere maggiore il cardinale Piacenza ha anche colto l'occasione di porgere l'augurio per l'anniversario della elezione al Papa. E in un piacevole scambio di battute il Papa ha ringraziato il cardianele per "aver avuto la pazienza di ascoltarlo per un'ora". Probabilmente in riferimento alla recente udienza privata prima del Convegno sulla Penitenzieria.

 

Ti potrebbe interessare