Il Papa all’Ispettorato di Pubblica Sicurezza Vaticano: "Sono ammirato"

"Non posso dimenticare, poi, il vostro impegno generoso in occasione dei miei spostamenti nella città di Roma e nelle visite pastorali in Italia"

Agenti dell'Ispettorato di Sicurezza Vaticano
Foto: Vatican Media / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

"Questo incontro mi offre l’opportunità di rinnovare a ciascuno di voi l’espressione della mia sentita gratitudine per il servizio che svolgete con abnegazione e spirito di sacrificio. La vostra presenza in Piazza San Pietro e nell’area adiacente al Vaticano è quanto mai importante per la tutela dell’ordine pubblico. Penso ai giorni di caldo caldo e freddo". Papa Francesco accoglie con queste parole e riceve in Udienza, nel Palazzo Apostolico, i Dirigenti e il Personale dell’Ispettorato di Pubblica Sicurezza presso il Vaticano.

"Sono ammirato per l’opera dispiegata durante i raduni dei fedeli e dei pellegrini, che giungono da tutto il mondo per incontrare il Papa e per visitare la tomba dell’Apostolo Pietro e pregare su quelle dei suoi successori, la maggior parte delle quali si trova nella Basilica Vaticana", commenta ancora il Pontefice nell'udienza.

Continua ancora il ringraziamento del Papa. "Non posso dimenticare, poi, il vostro impegno generoso in occasione dei miei spostamenti nella città di Roma e nelle visite pastorali in Italia. Per tutto questo ribadisco di cuore la mia stima e il mio apprezzamento per la disponibilità e per il servizio attento e qualificato. Io vorrei andare da solo, mi vergogno. Esso, mentre obbedisce ai vostri compiti come funzionari dello Stato Italiano, manifesta anche le buone relazioni che esistono fra l’Italia e la Santa Sede", dice ancora il Papa ai Dirigenti e al Personale dell’Ispettorato di Pubblica Sicurezza presso il Vaticano.

"Auspico che il vostro lavoro, compiuto non di rado con rinunce e rischi, sia sempre animato dal desiderio di aiutare il prossimo e la collettività. Vi invito a riscoprire la bellezza e la forza sempre nuova del Vangelo, e a farlo entrare in modo incisivo nelle vostre coscienze e nella vostra vita,portatelo sempre con voi, uno piccolino... Ricevere la gente, aiutare la gente con gentilezza", conclude Papa Francesco con un consiglio.

Ti potrebbe interessare