Il Papa arriva negli Emirati Arabi Uniti e regala ai giornalisti una icona di Bose

Due bambini accolgono il Papa negli Emirati
Foto: Vatican Media
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Papa Francesco arriva ad Abu Dhabi su un aereo Alitalia che però è anche un po’ un aereo degli Emirati vista la partecipazione di Ethiad nelle ex compagni di bandiera italiana.

Puntuale, anzi in anticipo alle 21.45 circa, e senza scendere dalla scaletta, ma usando un finger. Ufficialmente per ragioni climatiche. L’accoglienza è privata, ma ci sono dei bambini con i fiori e un gruppo musicale locale. Per il resto tutto blindato senza contatti con la popolazione fino all'arrivo sul pulmino che accoglie il Papa e il seguito.

In aereo il Papa ha brevemente salutato i giornalisti: "Grazie per la vostra compagnia. Questa è una visita importante, breve. Ma stamattina ho sentito la notizia che pioveva ad Abu Dhabi, e in quel posto pensano che sia un segno di benedizione. Speriamo tutti che lo sia. Grazie molto. Ho portato un'icona fatta nel monastero di Bose, la copia di un'icona che potete portare a casa, ed è sul tema del dialogo tra giovani e anziani che credo dal cuore sia una sfida del nostro tempo”. L’icona è stata donata ai giornalisti e sul retro è scritto: “In questa icona del monastero di Bose c'è un giovane monaco che porta un vecchio sulle sue spalle. Portando avanti i sogni del vecchio ...Un giovane che è in grado di prendere su di sé i sogni dei vecchi, e portarli a buon fine”.

La capitale degli emirati, è la seconda città per grandezza dopo Dubai, era solo un villaggio fino agli anni ’60, poi le scoperte di giacimenti di gas e petrolio hanno cambiato l’aspetto del luogo. Una nazione nata grazie al trattato con la Gran Bretagna per fa cessare la pirateria ora è meta turistica e soprattutto luogo di lavoro per molti immigrati che rimangono anche 20 o 30 anni nel paese. Una “ Chiesa di migranti” dice il Vicario Apostolico che ha da poco ordinato il primo sacerdote di seconda generazione, di origine indiana.

L’edificio più antico della città risale al XVIII secolo ed è una fortezza.

Oggi gli Emirato stanno tentando anche di diversificare le loro fonti di reddito tra cui appunto il turismo d’elite.

A riceverlo, nel salone d'onore ricoperto di decorazioni d'oro e specchi, c’è il principe ereditario lo sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan con la delegazione ufficiale, e subito dopo il Papa saluta il Grande Imam di Al- Azhar Amad al- Tayyb, vero artefice di questo viaggio che sarà ala fianco del Papa in ogni tappa.

Francesco con il seguito sarà ospitato nella residenza Al Mushrif Palace riservata dallo stato agli ospiti illustri al centro di Abu Dhabi, perché la nunziatura ha sede in Kuwait. Si tratta di un centro con dei parchi e dei laboratori per la tessitura dei tappeti.

Il Nunzio, monsignor Padilla riceve in Papa insieme al Vicario Apostolico Paul Hinder.

Domani mattina il Papa celebra la messa in privato  e poi si reca al Palazzo presidenziale per il benvenuto ufficiale, in Italia saranno circa le 9 di mattina.

 

Ti potrebbe interessare