Il Papa e Hollande, 40 minuti di solidarietà

Il Papa e il Presidente Hollande
Foto: Osservatore Romano
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Quaranta minuti di colloquio privato tra papa Francesco e il presidente francese Francois Hollande nello studio dell’Aula Paolo VI, in Vaticano. Dopo la presentazione del seguito e lo scambio dei  doni, il presidente si è recato alla Prima Loggia del Palazzo  apostolico vaticano per l’incontro col cardinale segretario di Stato Pietro Parolin. Nel seguito anche il ministro dell’Interno Bernard Cazeneuve e l’ambasciatore presso la Santa Sede, Philippe Zeller.

Il Presidente è arrivato in Vaticano alle 16.45. “Entrato in macchina dal Cancello del Perugino,- si legge nella nota ufficiale della Santa Sede- è stato accolto al Largo Giovanni Paolo II (fra l’Aula Paolo VI e il Palazzo della Canonica) dal Prefetto della Casa Pontificia, S.E. Mons. Georg Gänswein. Il Santo Padre Francesco ha ricevuto il Presidente Hollande nel suo studio presso l’Aula Paolo VI per il colloquio privato, alla presenza di un interprete. Il colloquio è durato circa 40 minuti. Al termine, nell’Auletta attigua, ha avuto luogo la presentazione del Seguito e lo scambio dei doni. Il Seguito era composto da Bernard Cazeneuve, Ministro degli Interni; Philippe Zeller, Ambasciatore presso la Santa Sede; Jacques Audibert, Consigliere Diplomatico; Frédéric Billet, Capo del Protocollo. Il Presidente Hollande ha donato al Papa una porcellana di Sèvres, con lo stemma della Francia. Il Santo Padre a sua volta ha donato al Presidente francese una scultura in bronzo tonda – opera dell’artista Daniela Fusco – che intende rappresentare in modo visibile la profezia di Isaia: “il deserto diverrà un giardino”: il ramo secco e spinoso che si copre di foglie e di frutti rappresenta il passaggio dall’egoismo alla collaborazione, dalla guerra alla pace. Il Papa ha fatto dono al Presidente Hollande anche di una copia dell’Enciclica Laudato si’ e delle Esortazioni Apostoliche Amoris laetitia ed Evangelii gaudium.

Dopo l’udienza con il Santo Padre, il Presidente Hollande ha avuto un colloquio con il Cardinale Segretario di Stato, Pietro Parolin, alla Prima Loggia del Palazzo Apostolico. All’incontro hanno partecipato anche il Segretario per i Rapporti con gli Stati, Arcivescovo Paul R. Gallagher e il Ministro degli Interni di Francia Bernard Cazeneuve, con il Consigliere Diplomatico Jacques Audibert. Il corteo presidenziale ha lasciato il Vaticano verso le 18,30”.

Il precedente incontro col Papa in Vaticano era stato due anni e mezzo fa, il 24 gennaio 2014

"I cattolici sono stati sottoposti ad una prova molto dura con l’assassinio di padre Jacques Hamel" a Rouen. "Tutti i francesi hanno dimostrato grande sensibilità verso la fede cattolica e la Francia, al di là  delle varie fedi che prosperano nel Paese, ha voluto esprimere tutta la simpatia nei confronti dell’azione del Papa". Ha detto il presidente in un incontro dopo la visita a San Luigi dei Francesi, dove ha reso omaggio alle vittime del terrore

"Quando viene ucciso un religioso. Ha detto Hollande, viene profanata la Repubblica, che tutela  tutti i culti. Il messaggio della laicità  francese non e’ un messaggio che divide ma che unisce".

Ti potrebbe interessare