Il Papa: “Anche quando la situazione sembra disperata, Dio interviene"

Angelus
Foto: Vatican Media, ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Qual è il motivo della gioia della Domenica di oggi, detta Domenica “laetare”? Lo spiega Papa Francesco durante l’Angelus odierno in Piazza San Pietro: “È il grande amore di Dio verso l’umanità, come ci indica il Vangelo di oggi: “Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna”.

In questo Vangelo è sintetizzato il senso dell’annuncio cristiano: “Anche quando la situazione sembra disperata – osserva il Pontefice - Dio interviene, offrendo all’uomo la salvezza e la gioia. Dio, infatti, non se ne sta in disparte, ma entra nella storia dell’umanità per animarla con la sua grazia e salvarla”.

“Quando ritroviamo il coraggio di riconoscerci per quello che siamo, ci vuole coraggio per questo – commenta Papa Francesco – ci accorgiamo di essere persone chiamate a fare i conti con la nostra fragilità e i nostri limiti. Allora può capitare di essere presi dall’angoscia, dall’inquietudine per il domani, dalla paura della malattia e della morte. Questo spiega perché tante persone, cercando una via d’uscita, imboccano a volte pericolose scorciatoie come ad esempio il tunnel della droga o quello delle superstizioni o di rovinosi rituali di magia".

"Dio è con noi, per questo ci rallegriamo. Non dobbiamo scoraggiarci quando vediamo i nostri limiti, Gesù è in croce per guarirci, dobbiamo guardare il crocifisso e dire Dio mi ama", dice il Papa a braccio. 

Subito dopo la preghiera mariana il Papa passa ai consueti saluti: “Un saluto speciale rivolgo agli studenti universitari provenienti da diverse parti del mondo e riuniti nel primo ‘Vatican Hackathon’, promosso dalla Segreteria per la Comunicazione: cari giovani, è bello mettere l’intelligenza, che Dio ci dona, a servizio della verità e dei più bisognosi”.

 

 

 

Ti potrebbe interessare