Il Papa, le ricchezze rischiano di corrompere il cuore

Papa Francesco
Foto: CTV
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Accumulare ricchezza genera guerre e  perdita di dignità. Il Papa di questo ha parlato nella omelia pronunciata a Santa Marta questa mattina, “Le ricchezze ha detto il Papa hanno la tendenza a crescere, a muoversi, a prendere il posto nella vita e nel cuore dell’uomo” e il rischio è la corruzione. Certo, riconosce Francesco, “alla radice” dell’accumulo “c’è la voglia di sicurezza”.

Ma il rischio di farlo solo per se stessi e dunque di restarne schiavi è altissimo: “Alla fine queste ricchezze non danno la sicurezza per sempre. Anzi ti portano giù nella tua dignità. E questo in famiglia: tante famiglie divise. Anche nella radice delle guerre c’è questa ambizione, che distrugge, corrompe. In questo mondo, in questo momento, ci si sono tante guerre per avidità di potere, di ricchezze. Si può pensare alla guerra nel nostro cuore. ‘Tenetevi lontano da ogni cupidigia!’, così dice il Signore. Perché la cupidigia va avanti, va avanti, va avanti… E’ uno scalino, apre la porta: poi viene la vanità - credersi importanti, credersi potenti.. – e, alla fine, l’orgoglio. E da lì tutti i vizi, tutti. Sono scalini, ma il primo è questo: la cupidigia, la voglia di accumulare ricchezze”.

Poi un riferimento alla cura del bene comune in relazione alle ricchezze: “C’è una cosa che è vera, quando il Signore benedice una persona con le ricchezze: lo fa amministratore di quelle ricchezze per il bene comune e per il bene di tutto, non per il proprio bene.  E non è facile diventare un onesto amministratore, perché sempre c’è la tentazione della cupidigia, del diventare importante. Il mondo ti insegna questo e ci porta per questa strada. Pensare agli altri, pensare che quello che io ho è al servizio degli altri e che nessuna cosa che ho la potrò portare con me. Ma se io uso quello che il Signore mi ha dato per il bene comune, come amministratore, questo mi santifica, mi farà santo”.

Infine il Papa ricorda che gestire le ricchezze è difficile e “tanti tranquillizzano la propria coscienza con l’elemosina e danno quello che avanza loro. Quello non è l’amministratore: l’amministratore prende per sé e quello che avanza e dà agli altri, in servizio, tutto.”

Ti potrebbe interessare