Il Papa: “Una Chiesa che non si alza e non è in cammino, si ammala”

Papa Francesco, Santa Marta
Foto: L'Osservatore Romano, ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La Chiesa sia in piedi, in cammino, in ascolto delle inquietudini della gente e sempre in gioia. E' l'invito di Papa Francesco nell’omelia della Messa mattutina a Casa Santa Marta.

Secondo quanto diffuso dalla Radio Vaticana, Francesco riflette in particolare su tre parole tratte dalla Prima Lettura odierna del capitolo ottavo degli Atti. La prima espressione è “Alzati e va”, rivolta da un Angelo a Filippo. “Questo – dice il Pontefice – è un segno dell’evangelizzazione. Ma per evangelizzare, alzati e va. Non dice: Rimani seduta, tranquilla, a casa tua: no! La Chiesa sempre per essere fedele al Signore deve essere in piedi e in cammino: Una Chiesa che non si alza, che non è in cammino, si ammala”.

“Va avanti e accostati a quel carro” è la successiva esortazione, che Filippo riceve dallo Spirito, e la seconda espressione che Papa Francesco evidenzia. Spiega il Pontefice: “Tutti gli uomini, tutte le donne hanno un’inquietudine nel cuore, buona o brutta, ma c’è l’inquietudine. Ascolta quell’inquietudine. Non dice: Va e fa proselitismo. No, no! Va e ascolta. Ascoltare è il secondo passo”.

La terza parola che il Papa sottolinea è poi la gioia: “la gioia del cristiano”.

Papa Francesco conclude la sua omelia a Casa Santa Marta auspicando che la Chiesa sia “in piedi”, “madre” “che ascolta” e, “con la grazia dello Spirito Santo”, “trova la Parola da dire”: “La Chiesa madre che dà alla luce tanti figli con questo metodo diciamo – usiamo la parola – questo metodo che non è proselitista: è il metodo della testimonianza all’obbedienza. La Chiesa, che oggi ci dice: Gioisci. Gioire, la gioia. La gioia di essere cristiani anche nei brutti momenti, perché dopo la lapidazione di Stefano scoppiò una grande persecuzione e i cristiani si sparsero dappertutto, come il seme che porta il vento. E sono stati loro a predicare la Parola di Gesù. Che il Signore ci dia la grazia a tutti noi di vivere la Chiesa così: in piedi e in uscita, in ascolto delle inquietudini della gente e sempre in gioia”.

 

Ti potrebbe interessare