Il processo per abusi al preseminario San Pio X arriva alla quarta udienza

Don Martinelli interrogato respinge ogni addebito

Il tribunale vaticano
Foto: Vatican media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Quarta udienza presso il Tribunale dello Stato della Città del Vaticano, del processo per presunti abusi sessuali nel quale sono imputati don Gabriele Martinelli e l’ex rettore del Preseminario San Pio X, don Enrico Radice, entrambi incardinati nella diocesi di Como.

L’udienza, durata di più di tre ore, dalle 11.20 alle 13.30, è stata dedicata quasi interamente all’interrogatorio di don Martinelli, che attualmente presta servizio in una residenza sanitaria assistita per anziani.

Rilettii verbali di interrogatorio nei quali don Martinelli descriveva le forti “divisioni ed invidie” che si erano venute a creare nell’equipe educativa dell’istituto, divisi in due “fazioni”: quella del rettore don Radice, coimputato nel processo, e quella del vicerettore don Ambrogio Marinoni, che si riflettevano poi anche sugli studenti.

Le accuse nei suoi confronti, espresse in due lettere inviate da L.G. all’allora vescovo di Como Diego Coletti il 10 luglio 2013 e poi a Papa Francesco il 9 giugno 2017, per don Martinelli, “sono frutto di queste tensioni e divisioni” e organizzate dopo il marzo 2013, quando il cardinal Angelo Comastri, vicario del Papa per la Città del Vaticano e quindi responsabile dell’istituto, bocciò il progetto di riforma del Preseminario, presentato da Marinoni, Granoli e don Daniele Pinton, per aprirlo anche agli studenti universitari.

“Hanno colpito me, ma volevano colpire soprattutto il Preseminario” ha sostenuto l’imputato, che ha negato anche in aula qualsiasi abuso. 

Al termine dell’udienza, il presidente del Tribunale Pignatone ha comunicato il calendario delle prossime udienze. Il 24 febbraio verranno ascoltati, se confermeranno la disponibilità, 6 testimoni chiamati dal promotore di giustizia, mentre il 25 il vescovo emerito di Como monsignor Diego Coletti e l’attuale pastore, monsignor Oscar Cantoni. Nelle udienza del 17 e 18 marzo verrà invece sentita la presunta parte lesa L.G.

Ti potrebbe interessare