Irlanda, Papa Francesco nomina il nuovo vescovo di Clogher

Monsignor Lawrence Duffy, vescovo designato di Clogher, Irlanda
Foto: Carrickmacross Parish
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

È monsignor Lawrence Duffy il nuovo vescovo di Clogher, in Irlanda, diocesi che fu scossa dallo scandalo degli abusi, con almeno 13 denunce su altrettanti sacerdoti dal 1975 al 2012. La diocesi era rimasta vacante dal 2016, quando il vescovo Liam S. McDaid si era dimesso per motivi di salute dall’incarico di vescovo della diocesi che guidava dal 2010.

Classe 1951, monsignor Duffy è sacerdote dal 1976, ed ha alle spalle anche una esperienza di quattro anni come sacerdote fidei donum Kenya, ma anche quella di vicario generale della diocesi dal 2013 al 2016. Dal 2013 era anche parroco ci Carrickmaross e Decano dei cattolici del capitolo cattedrale.

Il vescovo McDaid si era dimesso l’1 ottobre 2016, all’età di 71 anni, quattro anni prima di quanto previsto dal Codice di Diritto Canonico, ufficialmente per “motivi di salute dietro consiglio medico”, come aveva prontamente fatto sapere un comunicato pubblicato dalla diocesi. Aveva preso il governo della diocesi nel 2010, affrontando lo scandalo degli abusi e mettendo al primo posto delle priorità la salute degli abusati.

In una dichiarazione diffusa dalla Chiesa di Irlanda, il vescovo McDaid sottolinea che la diocesi deve “gioire, perché Papa Francesco la ha favorita nominando vescovo uno di loro”, e chiede di pregare perché il vescovo eletto “guidi il suo popolo nell’amore di Dio e del suo popolo, cosa che ha già fatto così generosamente e lealmente in 40 anni di ministero sacerdotale”.

Duffy sarà ordinato vescovo il 10 febbraio 2019 nella cattedrale di San Macartan, a Monaghan. La diocesi di Clogher ha una popolazione cattolica di 88 mila persone, 37 parrocchie servite da 58 sacerdti e 2 diaconi, con 85 chiese. Fino ad ora, la diocesi di Clogher è stata retta come amministratore apostolico da monsignor Joseph McGuinness.

Durante il suo viaggio in Irlanda per l’Incontro Mondiale delle Famiglie, Papa Francesco ha chiesto perdono alle vittime di abusi e ha incontrato alcune vittime. Benedetto XVI affrontò con forza il terremoto causato dagli abusi nella Chiesa irlandese, con una lettera ai fedeli di Irlanda e la nomina di una visitazione apostolica.

Ti potrebbe interessare