La Chiesa senese in festa per il ritorno del reliquiario di San Galgano

Il cardinale Augusto Paolo Lojudice, alcuni oggetti sono segni di tradizioni vive

Le reliquie ritrovate
Foto: Arcidiocesi Siena -Colle di Val D'Elsa - Montalcino
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

E’ festa nella Chiesa senese per il ritorno dopo 32 anni del reliquario di San Galgano, che insieme ad altri preziosi reperti , era stato trafugato nella notte tra il 10 e l'11 luglio 1989 dal Museo dell'Arcidiocesi di Siena - Colle di Val d'Elsa - Montalcino.

Per celebrare questo “ritorno” è stato organizzato nell’arcivescovado di Siena un vero e proprio evento al quale hanno preso hanno preso parte il Cardinale Augusto Paolo Lojudice, Arcivescovo di Siena-Colle di Val d’Elsa-Montalcino, Dario Franceschini, Ministro della Cultura, il Generale Roberto Riccardi, Comandante dei Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale e la Barbara Jatta, Direttore dei Musei Vaticani, oltre che tutte le autorità cittadine.

Il celebre Reliquiario di San Galgano proveniente dall'antica ed omonima Abbazia è uno dei più preziosi manufatti di inestimabile valore, in rame dorato e smalti, dell'oreficeria senese del primo '300, celebre in tutta Italia in quel periodo, tanto da ricevere commissioni importantissime da parte della corte pontificia, come il calice di Niccolò IV per la Basilica di San Francesco in Assisi e il reliquiario del S. Corporale per la Cattedrale di Orvieto.

Dieci degli undici pezzi trafugati dal Museo Diocesano trentun anni fa sono stati restituiti ai legittimi proprietari grazie ad un‘attenta ed accurata indagine del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Palermo dell'Arma dei Carabinieri coordinato dal Tribunale di Catania. Il pezzo non ritrovato è un seicentesco calice in argento proveniente dalla chiesa della Certosa di Maggiano in Siena.

Il reliquiario di San Galgano, purtroppo, ha subito importanti traumi.  Lo stato di degrado dei manufatti più preziosi ha subito reso evidente l'urgenza di un qualificato intervento di restauro. Il 23 febbraio scorso, l'Arcivescovo di Siena, Card. Augusto Paolo Lojudice, ha chiesto e ottenuto dal Governatorato della Città del Vaticano la possibilità di restaurare i preziosi oggetti presso i Musei Vaticani, che hanno affidato il progetto al Laboratorio di Restauro Metalli e Ceramiche, condotto da un gruppo di esperti restauratori, già operativi in passato in simili interventi.

 “Quando viene violata una proprietà privata – ha detto il cardinale Augusto Paolo Lojudice, Arcivescovo di Siena-Colle di Val D’Elsa-Montalcino – c’è sempre un grande dolore. Quando viene violato un luogo sacro è ancora più doloroso. Questi oggetti erano nel Museo Diocesano e la violazione fu fatta non solo alla Chiesa di Siena, ma a un pezzo di storia. Gli oggetti non sono idoli, ma alcuni oggetti sono segni di tradizioni vive, di vite di persone, non solo di chi li ha realizzati, ma di coloro per i quali hanno un significato particolare. L’arte è un patrimonio di tutti, oggi celebriamo la restituzione di questi oggetti non solo alla loro integrità, ma alla fruibilità di chiunque voglia, perché siamo tutti parte di un unico popolo, che cammina insieme e in cui ognuno fa la sua parte. La presenza oggi di tante istituzioni diverse vuole proprio rappresentare questo”.

 “È bello – ha commentato il Ministro della Cultura, Dario Franceschini – celebrare oggi la fine di questa storia, sebbene dopo una lunga attesa. Questi oggetti tornano finalmente dove sono stati rubati e questa vicenda dimostra una volta di più quanto le comunità locali siano orgogliose e legate ai propri simboli, anche oltre il valore religioso. Un particolare ringraziamento ai nostri Carabinieri della tutela del patrimonio culturale sono un’istituzione nota in tutto il mondo, con un’esperienza pluri-decennale che si rinnova ogni giorno”.

 

Ti potrebbe interessare