La Giornata delle catacombe per sfidare la negazione della "Vita oltre la morte"

Il 12 ottobre si svolge la seconda edizione dell'evento che permette di visitare monumenti chiusi al pubblico

L'immagine della locandina della Seconda giornata delle Catacombe
Foto: PCAS
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“La vita oltre la morte”: questo il tema che caratterizza la Seconda Giornata delle Catacombe, che si terrà a Roma sabato 12 ottobre 2019. Si vuole ora proporre un itinerario in cui, attraverso le numerose e straordinarie testimonianze archeologiche e artistiche delle catacombe romane, si può cogliere un aspetto essenziale dell’esperienza cristiana: la visione di un’esistenza che non si interrompe con la morte ma che va oltre, che viene ricreata in una nuova dimensione, rivelata e resa accessibile all’umanità dal Cristo Risorto.

In un contesto culturale spesso chiuso e ripiegato su se stesso, in cui l’orizzonte del futuro appare sempre più incerto se non addirittura assente, in cui la problematica dell’esistenza dopo la morte appare del tutto dimenticata e censurata, talvolta anche nella stessa esperienza religiosa cristiana, la visita alle catacombe può suggerire, con un linguaggio particolarmente suggestivo, una riflessione ben diversa: in un luogo in cui, apparentemente, la morte domina incontrastata, tutti i segni lasciati dai cristiani delle prime generazioni – dagli affreschi alle iscrizioni, dai simboli graffiti alle sculture – parlano di vita, di risurrezione, di liberazione dai vincoli della morte, di guarigione dalla caducità che tocca tutta l’umanità.

Le immagini rappresentano contesti paradisiaci, ambienti sereni e felici, banchetti e momenti lieti dei singoli come delle famiglie e della comunità. Anche le scene, spesso tratte da episodi dell’Antico e del Nuovo Testamento, che parlano di violenza, di sofferenza, di persecuzione si risolvono in esiti felici, di liberazione e di salvezza. Tra queste particolarmente suggestive sono quelli che rimandano alla storia di Giona, “icona” di questa seconda Giornata. E Giona altro non è se non immagine, “figura” di Cristo Risorto, la “porta” che ci fa entrare nella dimensione di Dio, in una nuova esistenza pacifica e gioiosa, illuminata dalla presenza del Buon Pastore che tutti accoglie per godere dell’abbraccio amoroso di Dio. Se, dunque, nella prima edizione della Giornata, si voleva “rimettere in luce” un patrimonio di inestimabile valore sia per la fede sia per la cultura, con la seconda Giornata si vuol proporre ai visitatori di riaprire l’orizzonte del futuro lasciandoci incoraggiare dalle testimonianze delle prime generazioni cristiane di Roma, che sapevano guardare oltre la morte per costruire la loro esistenza.

La Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, presieduta dal Cardinal Gianfranco Ravasi, ha promosso la Seconda Giornata delle Catacombe proprio per favorirne la conoscenza e coglierne il messaggio più profondo, che rimanda alle radici della fede cristiana. 13 siti, tra i più significativi e suggestivi, saranno accessibili gratuitamente a tutti i visitatori.

Insieme alle catacombe già aperte al pubblico (S. Callisto, S. Sebastiano, Domitilla, Priscilla, S. Agnese e SS. Marcellino e Pietro), saranno visitabili il Museo della Torretta nel Comprensorio di S. Callisto, la “Regione dei Fornai” e il Museo della catacomba di Domitilla, i Musei e la Spelunca Magna della catacomba di Pretestato, le catacombe di S. Pancrazio, di S. Lorenzo, di S. Tecla e l’Ipogeo degli Aureli. Oltre alle visite, accompagnate dalle guide già operanti presso i siti e da un folto gruppi di volontari, tra cui molti giovani studenti di archeologia, sono previste diverse iniziative, a cominciare da quelle rivolte ai bambini e ai ragazzi (vari laboratori didattici) ma anche ai diversamente abili.

Ad allietare ed arricchire l’evento concorreranno i cantori del Vocalia Consort con un concerto pomeridiano nella basilica dei SS. Nereo e Achilleo a Domitilla, il quartetto d’archi Cover Garden che terrà un concerto nella basilica di San Silvestro a Priscilla, la Cappella Musicale Costantina con un concerto pomeridiano nella basilica di Sant’Agnese.

La Banda Vaticana percorrerà, in mattinata, il Comprensorio di San Callisto. L’evento centrale della manifestazione si terrà presso il complesso monumentale dei SS. Marcellino e Pietro sulla Casilina. In stretta collaborazione con la Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma sarà riaperto, alle ore 17, il Mausoleo di Elena e inaugurato l’Antiquarium allestito all’interno del Monumento. Seguirà, alle ore 18,30, una solenne Celebrazione Eucaristica nella Chiesa Parrocchiale dei SS. Marcellino e Pietro, presieduta dal Cardinale Gianfranco Ravasi.

Ti potrebbe interessare