La Giornata Mondiale dei Poveri, la quinta edizione con l'attenzione alla pandemia

Distribuzione di beni di prima necessità si alternano con la preghiera e la solidarietà

I logo della manifestazione
Foto: PCNE
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Per la quinta volta si celebra la Giornata Mondiale dei Poveri ideata da Papa Francesco e quest’anno il tema  viene dal Vangelo di Marco: “I poveri li avete sempre con voi” (Mc 14,7), lo scorso 13 giugno , festa di Sant’ Antonio, è stato pubblicato il messaggio del Papa per l’occasione ed il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione il Dicastero vaticano incaricato dal Papa di promuovere l’evento.

Il più mediatico è certo quello che si svolge ad Assisi con Papa Francesco che incontra 500 poveri provenienti da diverse parti dell’Europa. 

Dalla Porziuncola il Papa sale alla Basilica con un bastone e un mantello dono dei poveri, benedice una pietra della Porziuncola e la dona  ad alcuni rappresentanti del rifugio per i senzatetto “Rose di San Francesco” di Tersatto. 

Alla fine della giornata i partecipanti riceveranno uno zaino prodotto dal progetto “+Three”, che promuove prodotti realizzati nel rispetto della sostenibilità ambientale ed economica all’interno di una filiera etica socialmente, all'interno utile abiti e mascherine anti Covid in tessuto lavabile e riutilizzabile.

Domenica 14 novembre alle ore 10:00 il Papa presiederà la messa a San Pietro insieme a 2 mila poveri. Alla fine della Celebrazione verranno distribuiti pasti caldi a tutti i partecipanti. 

Il programma si fa concretezza nella attenzione alle Case-famiglia presenti sul territorio della diocesi di Roma. Attraverso la generosità di una catena di supermercati e di una fabbrica di pasta e una di pomodori passati, verranno aiutate 40 Case-famiglia oltre ad alcune parrocchie. 5 tonnellate di pasta, 1 tonnellata di riso, 2 tonnellate di passata di pomodoro, 1.000 litri di olio e 3.000 litri di latte, solo per citare alcuni tra i molti prodotti.

Saranno anche distribuiti di 5 mila “kit” di ausili sanitari di prima necessità per la salute e la cura della persona a circa 60 parrocchie di Roma, che poi li distribuiranno alle famiglie più bisognose.

In epoca di pandemia non è stato possibile allestire il Presidio Sanitario in Piazza San Pietro, ma si è realizzato il progetto “Alla ricerca del Virus”, per cui un camper attrezzato effettua dei test in grado di valutare la presenza del virus HCV (epatite C) e del virus HIV, sarà presente in Piazza San Pietro durante la Giornata dei Mondiale dei Poveri, il 14 novembre p.v., Il servizio sarà disponibile dal momento in cui il Santo Padre terminerà la recita dell’Angelus, poco dopo le ore 12:00, fino alle ore 18:00. Il progetto viene realizzato con l’aiuto della società Regia Congressi S.r.l. di Firenze, della S.I.M.G. (Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie), del reparto di Infettivologia del Policlinico dell’Università di Roma Tor Vergata e del Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana.

Infine grazie ad alcune donazioni 500 famiglie che hanno difficoltà economiche e che spesso si rivolgono a centri caritativi, potranno avere le bollette pagate, senza dover risparmiare su cibo e medicine. 

E c’è anche un sussidio pastorale “perché la Giornata Mondiale possa rappresentare una permanente provocazione per le nostre comunità a essere attente e accoglienti verso quanti si presentano alla nostra porta” come spiega l’ arcivescovo Fisichella nella prefazione del volume edito da San Paolo: “I poveri li avete sempre con voi”. 

Ti potrebbe interessare