L’Arcivescovo di Nur-Sultan: la società del Kazakistan solidale durante l'epidemia

Il paese dell'ex URSS nell' Asia Centrale a maggioranza musulmana

Il vescovo Tomsaz Peta di Nur- Sultan
Foto: Wikipedia
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La società del Kazakistan è stata abituata a tempi molto duri, come quelli dello stalinismo. L'epidemia provoca una grande ansia sociale, ma le persone mostrano spirito di solidarietà. Lo dice il metropolita di Nur-Sultan, la capitale del Kazakistan,(che fino a marzo del 2019 si chiamava Astana)l'arcivescovo Tomasz Peta.

L'arcivescovo Peta informa che in Kazakistan, come in altri paesi, sono state introdotte forti restrizioni alla circolazione e al funzionamento dei luoghi di lavoro. C'è uno stato di emergenza. Le città più grandi sono in quarantena, non si può entrare o uscire. Scuole e università operano solo online. Le persone possono solo andare da un medico, una farmacia nei negozi per il cibo.

“Nonostante tutta questa difficile situazione, dovuta all'epidemia, la Chiesa cattolica in Kazakistan è ancora viva. Le restrizioni significano che i fedeli partecipano principalmente alle messe e ai servizi spirituali attraverso le trasmissioni di Karaganda. A Pasqua, c'erano solo persone singole nella nostra cattedrale alle Messe. Ci sono anche quelli che vengono a chiedere la confessione e la Santa Comunione, che i fedeli in tutta la diocesi ricevono in ginocchio, a meno che qualcuno non sia malato, e solo alla bocca. Grazie alla partecipazione di sacerdoti e suore, l'adorazione 24 ore su 24 del Santissimo Sacramento, che dura già da 18 anni nella cattedrale della capitale, non è stata interrotta; è iniziata il 14 aprile 2002, a seguito della visita di San Giovanni Paolo II, avvenuta nel settembre 2001 ”- afferma il metropolita di Nur-Sultan.

Il presule ha aggiunto che le autorità kazake, a causa delle frontiere chiuse, stanno estendendo la possibilità di avere visti in loco, senza la necessità di recarsi nei paesi di origine. In circostanze normali, sacerdoti e suore straniere devono recarsi nei loro paesi ogni anno per estendere i visti. “L'epidemia ha fermato 3 sacerdoti e 3 monache in Polonia, che non possono tornare in Kazakistan. Stiamo aspettando il loro ritorno, sono molto necessari qui. Durante questo periodo, le suore di Madre Teresa di Calcutta aiutano le persone bisognose. La società del Kazakistan, un paese nove volte più grande della Polonia, è abituata a tempi molto duri, come nel periodo dello stalinismo e delle deportazioni. La situazione attuale, sebbene difficile, non è la peggiore. C'è uno spirito di solidarietà tra il popolo ”- sottolinea l'Arcivescovo Peta.

Ti potrebbe interessare