Le quattro "preferenze" dei gesuiti per i prossimi 10 anni

Papa Francesco e Padre Arturo Sosa
Foto: Vatican Media / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Promuovere il discernimento e gli esercizi spirituali. Camminare con gli esclusi. Accompagnare i giovani in cammino. Prendersi cura della casa comune. Sono queste le preferenze apostoliche universali della Compagnia di Gesù per il prossimo decennio 2019-2029, approvate anche da Papa Francesco.

Le Preferenze apostoliche universali sono il frutto di un processo di discernimento, che è durato quasi due anni. Tutti i gesuiti sono stati invitati a parteciparvi. Il discernimento si è concluso con una conferma da parte di Papa Francesco durante un incontro speciale con il P. Generale Arturo Sosa. Le Preferenze offrono un orizzonte, un punto di riferimento per tutta la Compagnia di Gesù. 

Per il discernimento i Gesuiti sottolineano: “È attraverso il discernimento che prendiamo contatto con il nostro io più profondo, lo spazio dove Dio ci parla. Il discernimento non è necessario solo quando si devono risolvere problemi gravi, è un mezzo per lottare, per seguire meglio il Signore giorno per giorno e ora per ora”.

Per i Gesuiti camminare con gli esclusi significa “camminare al fianco dei poveri, dei vulnerabili, degli esclusi e di coloro che la società considera inutili, in una missione di riconciliazione e giustizia”.

“Lavorare, con profondità evangelica, per la protezione e il rinnovamento della creazione di Dio” è la terza Preferenza apostolica che riguarda il Prendersi cura della Casa Comune.

Infine, l’ultima Preferenza accompagnare i giovani in cammino, “nella creazione di un futuro di speranza” .

 

 

Ti potrebbe interessare