Monsignor De Donatis: “Chiamata alla santità, il Papa ci invita ad allargare lo sguardo”

Monsignor De Donatis
Foto: Daniel Ibanez, ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“La santità è il volto più bello della Chiesa”. Papa Francesco vuole promuovere il desiderio della santità nel mondo attuale e lo fa attraverso la sua esortazione apostolica “Gaudete et exsultate”, diffusa oggi e presentata ai giornalisti con una conferenza stampa presso la Sala Stampa della Santa Sede.   

Monsignor Angelo De Donatis, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma, intervenuto presso la Sala Stampa Vaticana per la presentazione commenta: “E’ una gioia per me fare questo piccolo servizio e presentare oggi questo documento. Perché un’esortazione apostolica sulla chiamata alla santità? La parola santità è considerata un po’ antiquata proprio da quel mondo contemporaneo a cui l’esortazione vuole rivolgersi. La santità è la vera vita, il contrario della santità non è una vita di peccato, ma l’accontentarsi una vita mediocre e inconsistente”.

“E’ evidente che il Papa con questa esortazione – sottolinea l’Arcivescovo - vuole puntare l’attenzione su ciò che è decisivo nella vita cristiana: contro la tentazione di ridurre la visuale o perdere l’orizzonte. Dobbiamo allargare lo sguardo e tenere la traiettoria sulla santità”.

“Nei cinque capitoli e nelle 44 pagine del documento, il Papa segue il filo del suo magistero più sentito: non avere paura della santità. I 177 paragrafi non vogliono essere, avverte subito, “un trattato sulla santità con tante definizioni e distinzioni”. “La finalità dell’esortazione – precisa infatti il Vicario- non è offrire un trattato sulla santità, ma far risuonare la chiamata alla santità nel contesto attuale con i suoi rischi, le sue sfide e le sue opportunità”.

“Anche per te”, come il nome di un capitolo della nuova esortazione papale. Monsignor De Donatis puntualizza ancora: “Non ci sono condizioni per la santità, la santità è quella vita nuova che per dono di Dio è possibile a tutti nelle occupazioni di ogni giorno”.

Ogni uomo che viene in questo mondo ha bisogno di concepire la sua vita come una missione. Ma qual è il mio contributo alla crescita di questa mondo? “Ogni Santo è una missione”, sottolinea l’Arcivescovo commentando l’esortazione “Gaudete et exultate” di Papa Francesco.

Abbiamo sete di luce e questa sete di luce va soddisfatta. Questo documento da dei segnali per fare dei percorsi. Quando il padre è attento ai figli prepara il cibo di cui hanno bisogno”, conclude Monsignor De Donatis.

“Spero che queste pagine siano utili perché tutta la Chiesa si dedichi a promuovere il desiderio della santità – scrive il Papa nelle conclusioni – Chiediamo che lo Spirito Santo infonda in noi un intenso desiderio di essere santi per la maggior gloria di Dio e incoraggiamoci a vicenda in questo proposito. Condivideremo così una felicità che il mondo non ci potrà togliere”.

Ti potrebbe interessare