Moraglia: la Chiesa non sarebbe quella che è oggi senza Roncalli

Il Patriarca Moraglia con la nipote di Giovanni XXIII
Foto: Fondazione Giovanni XXIII
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Incontro speciale e significativo per un gruppo di pellegrini dei Circoli Giovannei e per la Fondazione Papa Giovanni XXIII in visita a Venezia. Il Patriarca Francesco Moraglia ha ricevuto ieri 4 gennaio il gruppo proveniente da Bergamo ricordando che “la Chiesa non sarebbe quella che è oggi se non vi fosse stata la docilità e il coraggio di Roncalli che, oltre al sorriso, ha avuto la forza di vincere tante resistenze che non avrebbero aperto l’evento così epocale e importante del Concilio Vaticano II”. All’incontro avvenuto nel Palazzo Patriarcale, hanno partecipato il Direttore della Fondazione don Ezio Bolis, con alcuni collaboratori, e il Presidente del Comitato Scientifico, monsignor Goffredo Zanchi. La delegazione è stata anche portavoce del Cardinale Loris Francesco Capovilla, che per molti anni è stato segretario del Patriarca Roncalli.

“Già a Venezia Roncalli aveva lasciato una scia e un ricordo indelebile con la sua intraprendenza e affabilità nello scambio che, soprattutto durante le sue visite attorno a San Marco, aveva con i veneziani - ha detto il Patriarca Moraglia, rievocando l’opera del suo predecessore -.  Un uomo che ha avuto grandi intuizioni spirituali e pratiche suggerite dallo Spirito come il movimento della pala d’oro dedicata a San Marco e in seguito l’apertura dei plutei marmorei sul presbiterio della Basilica, capace di guidare anche la Diocesi in un momento importante con una presenza nella città all’epoca di 180mila abitanti rispetto ai 56mila di oggi”.

Tra i pellegrini e appartenenti ai “Cenacoli Giovannei” presente anche la nipote diretta di Papa Giovanni, Letiza Roncalli, molto emozionata nel rivedere i luoghi veneziani vissuti dall’allora Patriarca e che, al termine dell’udienza, è stata intrattenuta da monsignor Moraglia. La Fondazione Papa Giovanni XXIII ha omaggiato il Patriarca di alcune delle sue più recenti pubblicazioni riguardanti la figura e l’opera di Roncalli, ricordando in particolare la passione pastorale che il Santo bergamasco, originario di Sotto il Monte, ci ha insegnato.

Il pellegrinaggio a Venezia da parte della Fondazione Papa Giovanni XXIII è avvenuto al termine del primo anno dalla istituzione dei “Cenacoli Giovannei”, che si incontrano mensilmente e si propongono di alimentare in modo sostanzioso la preghiera e la devozione a San Giovanni XXIII.

La presentazione dei “Cenacoli Giovannei” era avvenuta la sera del 25 novembre 2014, nel 133° anniversario della nascita di Angelo Giuseppe Roncalli (1881), presso la sede della Fondazione Papa Giovanni XXIII che si trova a Bergamo Alta, in via Arena 26. Il nome dei “Cenacoli Giovannei” richiama subito il Cenacolo dove Gesù, nell’Ultima Cena,  seduto a mensa con i suoi amici più intimi, ha istituito l’Eucaristia. Nel Cenacolo è nata la Chiesa, il giorno di Pentecoste, quando gli Apostoli, raccolti in preghiera con Maria, hanno ricevuto lo Spirito Santo. Dal Cenacolo sono partiti per annunciare il Vangelo di pace nel mondo intero. L’Eucaristia, la Pentecoste, la Chiesa, la Vergine Maria, l’annuncio del Vangelo, il ministero apostolico, l’amicizia, la pace: sono i temi più cari a Papa Giovanni, gli elementi principali della sua spiritualità.

Nei “Cenacoli Giovannei” viene offerta la possibilità di approfondire questo prezioso tesoro nella preghiera e nella riflessione, con assiduità e metodo, lasciandosi guidare e accompagnare soprattutto dalle pagine del Giornale dell’anima, memori di quanto disse lo stesso Papa Giovanni: «La mia anima è in questi fogli più che in qualsiasi altro mio scritto». L’iniziativa dei “Cenacoli Giovannei” è stata incoraggiata dal Vescovo di Bergamo, monsignor Francesco Beschi, il quale fin da subito ha espresso l’auspicio che vi aderiscano persone, sacerdoti, laici, gruppi, parrocchie, comunità religiose che riconoscono in san Giovanni XXIII un modello di vita cristiana e di stile ecclesiale. 

La Fondazione prepara ogni mese e diffonde via e-mail a tutti i membri dei Cenacoli Giovannei una traccia con testi scelti e commentati, che siano occasione di riflessione e di preghiera sulla spiritualità di san Giovanni XXIII. La Fondazione Papa Giovanni XXIII (www.fondazionepapagiovannixxiii.it) è nata nel 2000 per volontà della Diocesi di Bergamo con l’intento di raccogliere, custodire, studiare e divulgare il prezioso patrimonio documentario di Angelo Giuseppe Roncalli, San Giovanni XXIII. Riversato dal suo segretario, Cardinale Loris Francesco Capovilla, tale patrimonio consta di oltre 10.000 carte tra fascicoli, foto e volumi.

Ti potrebbe interessare