Padre Spadaro: “Il Papa parla con i bambini. Ma il suo messaggio è per tutti”

Copertina del libro nell'edizione inglese della Loyola Press
Foto: Loyola Press
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Ma queste domande sono difficili!” Con queste parole Papa Francesco commentò le domande che gli avevano inviato alcuni bambini, quando gliele presentò padre Antonio Spadaro, direttore della Civiltà Cattolica. Il libro che è nato da quel dialogo a distanza tra Papa Francesco e i bambini si chiama “L’amore prima del mondo” (in Italia edito da Rizzoli), e sarebbe stato presentato il 22 febbraio a Papa Francesco da padre Spadaro e da otto dei giovani protagonisti del volume.

Il progetto è della Loyola Press, la casa editrice della Compagnia del Gesù. Sono state raccolte 259 lettere da 26 Paesi, e tra questi c’erano Albania, Cina, Nigeria, Filippine, ma anche scuole temporanee che ospitano profughi siriani. Poi, sono stati scelti i disegni e le domande di 31 bambini, e con questi è stato compilato il libro. Il 22 febbraio, il libro doveva essere quindi presentato al Papa, insieme al corpus completo delle lettere raccolte.

Spiega padre Spadaro al gruppo ACI: “Papa Francesco ha un messaggio di misericordia e gioia per tutti, bambini ed adulti. Quello che mi ha davvero colpito è che il Papa mi ha subito risposto di sì”. Si tratta – continua padre Spadaro – “del primo libro scritto da un Papa per i bambini. Non è la collezione delle cose dette in precedenza in altro contesto, ma qualcosa di originale pensato come un libro a domande e risposte. E anche disegni”.

I disegni hanno particolarmente colpito Papa Francesco. “Ne ha commentato con me i dettagli, i colori, le forme. Qualche volta il Papa ha catturato, con finezza, il significato di una domanda più dalle immagini che dalle parole”.

Secondo padre Spadaro, “questo libro può essere utile a tutte le famiglie. Le domande sono profonde, fresche, dirette. Riguardano il desiderio di comprendere, ma anche i sentimenti ed esperienze dure da affrontare e vivere. Spero che le persone si accorgano che il messaggio del Papa è universale. Sia che le sue risposte vengano lette da bambini o adulti, spero che il loro focalizzarsi sulla pace, la gioia e la misericordia siano comprese e interiorizzate da tutti”.

Ti potrebbe interessare