Papa Benedetto XVI, la rinuncia due anni fa

Papa Benedetto XVI
Foto: CTV
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Quapropter bene conscius ponderis huius actus plena libertate declaro me ministerio Episcopi Romae, Successoris Sancti Petri, mihi per manus Cardinalium die 19 aprilis MMV commisso renuntiare ita ut a die 28 februarii MMXIII, hora 20, sedes Romae, sedes Sancti Petri vacet et Conclave ad eligendum novum Summum Pontificem ab his quibus competit convocandum esse’.

Sono passati ormai due anni da questa declaratio. Sono state sufficienti poche parole pronunciate in latino  da Papa Benedetto XVI per cambiare la storia della Chiesa contemporanea. Era l’11 febbraio 2013, memoria liturgica della Madonna di Lourdes, Giornata Mondiale del Malato e anniversario della firma dei Patti Lateranensi. Un giorno di festa in Vaticano.

Poche righe in latino sono bastate per far vedere il Pontefice bavarese sotto tutt’altra luce. Ma limitare il Pontificato di Benedetto XVI alla sua rinuncia è onestamente riduttivo, sbagliato e fuori di ogni logica.

Per capire il messaggio di Joseph Ratzinger bisogna partire dal suo motto episcopale. Cooperatores Veritatis. Cooperatori della Verità. Questa frase è stata la sua stella polare da Papa . A partire da quella sfida lanciata a viso aperto contro la dittatura del relativismo, 24 ore prima di essere eletto dai cardinali successore di Giovanni Paolo II.

Malgrado spesso e volentieri lo si neghi, l’opera di Papa Francesco prosegue nel solco indelebile tracciato dal suo ‘amato e venerato predecessore’. La lotta senza quartiere alla sporcizia nella Chiesa – denunciata dal Cardinale Ratzinger nella Via Crucis 2005 – messa in atto in questi mesi da Jorge Mario Bergoglio è logica conseguenza delle scelte operate da Papa Benedetto XVI. Basti pensare al Motu proprio sulla trasparenza finanziaria o alla vera e propria crociata contro i preti pedofili scatenata da Benedetto.

Aveva promesso obbedienza al successore e Benedetto XVI, salito sul monte, non è mancato alla promessa fatta. E’ rimasto nell’ombra della preghiera. Una preghiera costante per la Chiesa e per il suo successore. Rarissime in questi due anni le apparizioni in pubblico. E tutte su esplicita richiesta di Papa Bergoglio, a testimoniare il legame che lega i due successori dell’Apostolo Pietro.

Ormai due anni dopo quella rinuncia sono ancora molti i detrattori di Papa Benedetto che non perdono occasione per fare inutili confronti tra Ratzinger e Bergoglio. Dimenticando però le molteplici occasioni in cui Francesco ha pubblicamente esaltato la figura e l’operato del suo predecessore. Poco meno di otto anni di regno in cui la barca della Chiesa, con al timone Benedetto XVI, ha combattuto la battaglia della Verità con trasparenza e umiltà.

E dal suo ritiro del Mater Ecclesiae, sulle orme di San Paolo, anche Benedetto può dire: “Ho combattuto la buona battaglia. Ho conservato la fede”. “Una fede robusta ed esigente – per dirla come il Cardinale Bertone nell’indirizzo di saluto nell’ultima messa pubblica di Benedetto XVI – una  forza dell’umiltà e della mitezza, assieme ad un grande coraggio, che hanno contraddistinto ogni passo della Sua vita e del Suo ministero, e che possono venire solamente dallo stare con Dio, dallo stare alla luce della parola di Dio, dal salire continuamente la montagna dell’incontro con Lui per poi ridiscendere nella Città degli uomini”.

Ti potrebbe interessare