Papa Francesco ai pediatri, urgente una educazione sanitaria che non sia contro la persona

Papa Francesco con un bambino malato
Foto: www.ospedalebambinogesu.it
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Nel nostro tempo, dove le tante comodità e gli sviluppi tecnologici e sociali si pagano con un impatto sempre più invasivo sulle dinamiche naturali del corpo umano, diventa urgente attuare un serio programma di educazione alla salute e a stili di vita rispettosi dell’organismo, così che il progresso non vada a scapito della persona”.

Papa Francesco lo ha ricordato nel testo consegnato ai medici pediatri della Federazione Italiana Medici Pediatrici che ha ricevuto questa mattina in Vaticano.

Il Papa ha sottolineato anche una delle sfide del nostro tempo nel quale “sempre più spesso la prevenzione e le cure diventano appannaggio di chi gode di un certo tenore di vita, e quindi se lo può permettere. Vi incoraggio ad adoperarvi perché questa diseguaglianza non venga a sommarsi alle tante che già affliggono i più deboli, ma il sistema sanitario assicuri a tutti assistenza e prevenzione, come diritti della persona”.

Francesco ha ricordato l’importanza del rapporto con i genitori dei pazienti e quanto essi stessei siano sensibili: “sono dotati di antenne potenti, e captano al volo se siamo ben disposti o se invece siamo distratti, perché magari vorremmo avere già finito il turno, o sbrigarci più in fretta, o trovare un paziente che strilla di meno…”

E ovviamente, scrive il Papa, non basta guarire la malattia ma soprattutto per i bambini pensare al futuro, guardare più in là. “Con questo stile, - ha concluso il Papa- voi date testimonianza cristiana, perché cercate di praticare i valori evangelici e il vostro senso di appartenenza alla Chiesa; ma anche per l’ampiezza del vostro sguardo, per la capacità di immaginare il contesto sociale e il sistema sanitario più giusti per il futuro, e per il desiderio di porvi a servizio, con umiltà e competenza, di ogni persona che vi è affidata”.

Il Papa ha anche voluto ricordare che “la Federazione si è distinta per il contributo dato alla nascita del Servizio Sanitario Nazionale, e negli anni ha realizzato innumerevoli iniziative per la salute delle persone e il miglioramento dei servizi offerti ai cittadini, stipulando accordi pubblici e privati, mantenendo in modo autonomo e apartitico un attivo confronto con le parti politiche e sociali, e assicurando un controllo su tanti aspetti essenziali della salute del bambino e dell’adolescente”.

Ti potrebbe interessare