Papa Francesco al presidente dell' Azerbaigian, la tolleranza è la strada da seguire

Un cordiale incontro in Vaticano anche con la moglie e la figlia del presidente

Il Papa e Ilham Aliyev, Presidente della Repubblica dell’Azerbaigian con la moglie
Foto: Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Uno “speciale riferimento all’importanza del dialogo interculturale e interreligioso a favore della convivenza pacifica tra i diversi gruppi religiosi ed etnici” è stato il tema centrale del colloquio tra Papa Francesco e il Presidente della Repubblica di Azerbaigian Ilham Aliyev.

Il presidente era accompagnato dalla moglie che è anche vicepresidente ed ha partecipato al colloquio privato, e da una figlia presidente di una fondazione azera.

Il Papa e il presidente hanno avuto un colloquio di circa 25 minuti con l’interprete e al momento dello scambio dei doni Aliyev ha presentato un grande tappeto lavorato secondo tecniche tradizionali spiegante anche in un libro e un volume dedicato ai luoghi religiosi del paese. Il Papa ha commentato “questo è il segno della vostra tolleranza”. Tra i doni del presidente anche vino e caviale.

Da parte sua il Pontefice ha donato all’ospite un medaglione della pace: “ questo è il simbolo della vostra patria” ha detto. In dono anche una stampa dell’antica San Pietro e alcuni testi tra i quali il documento sulla Fratellanza umana: “questa è la strada per la tolleranza e la convivenza” ha detto.

Il presidente con il seguito ha incontrato anche il Segretario di Stato, Cardinale Pietro Parolin, e il Segretario per i Rapporti con gli Stati, Paul Richard Gallagher.

“Nel corso dei cordiali colloqui in Segreteria di Stato - si legge nella nota ufficiale-sono stati espressi da ambo le Parti soddisfazione per lo sviluppo delle relazioni bilaterali esistenti, con particolare riferimento alla collaborazione in ambito culturale, e apprezzamento per le attività della Chiesa cattolica nel Paese”.

La collaborazione tra Sante Sede e Azerbaijan è significativa per i rapporti tra la Fondazione Aliyev e la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, per il restauro di alcune catacombe.

Papa Francesco ha visitato la nazione nel 2016 

Ti potrebbe interessare