Papa Francesco all’Angelus: “La chiamata di Dio è amore”

Parlando del primo incontro di Gesù con alcuni discepoli, Papa Francesco sottolinea che alla chiamata di Gesù si risponde solo con l’amore

Papa Francesco durante una recita nell'Angelus in Biblioteca durante il tempo di Natale passato
Foto: Vatican Media / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Dio chiama tutti noi, a volte possiamo rifiutare la chiamata perché appare in contrasto con le nostre aspirazioni, ma l’unico modo di accoglierla è l’amore. Parlando del primo incontro dei primi discepoli con Gesù a Cafarnao, Papa Francesco sviluppa una riflessione sul senso della vocazione. Una vocazione che nasce sempre dall’incontro personale con Gesù. Nel dopo Angelus, Papa Francesco prega per le vittime del terremoto in Indonesia, ricorda che oggi è la giornata di approfondimento per il Dialogo Ebreo-Cristiano, sottolienea che domani comincia la Settimana di Preghiera per l'Unità dei Cristiani. 

Seconda domenica del tempo ordinario, Angelus ancora nella Biblioteca del Palazzo Apostolico Vaticano ancora allestita con albero e presepe per evitare assembramenti nella piazza, dove invece albero e presepe sono già stati smontati (una volta, si tenevano fino alla festa della presentazione di Gesù al tempio). È una giornata dal freddo pungente, a Roma, con anche qualche piccolo fiocco di neve nella zona Nord.

Il passo del Vangelo del giorno è quello in cui Giovanni Battista indica a due discepoli, tra i quali l’apostolo Andrea, chi è il Messia. E i due subito vanno dietro a Gesù, gli chiedono dove abiti, e Gesù semplicemente chiede loro di seguirlo. Loro lo seguono e restano con lui.

“Non è difficile – dice Papa Francesco – immaginarli seduti a fargli domande e soprattutto ad ascoltarlo, sentendo che il loro cuore si scalda sempre di più menrte il maestro parla”.

Papa Francesco spiega che i discepoli “avvertono la bellezza di parole che rispondono alla loro speranza più grande”, e così scoprono che “mentre intorno si fa sera, in loro esplode la luce che solo Dio può donare”.

Aggiunge Papa Francesco: "Una cosa che attira l’attenzione: uno di loro sessanta anni dopo, scrisse sul Vangelo: erano verso le 4 del pomeriggio. E questa è una cosa che ci fa pensare: ogni autentico incontro con Gesù rimane nella memoria viva. Non si dimentica mai. Tanti incontri, li dimentichi, ma l’incontro con Gesù vivo rimane sempre. Non avevano potuto dimenticare questo incontro così felice, così pieno che aveva cambiato loro la vita".

E Andrea, pieno di questa gioia, dirà al fratello Simone: “Abbiamo trovato il Messia”. "Ne erano già certi", dice Papa Francesco.

Papa Francesco sottolinea che “ogni chiamata di Dio è una iniziativa del suo amore” e che Dio chiama alla vita, “una chiamata individuale, perché Dio non a le cose in serie”; alla fede, per “far parte della sua famiglia” come figli Dio; e ad uno stato particolare di vitta, cioè “a donare noi stessi nella via del matrimonio, in quella del sacerdozio e della vita consacrata”.

Sono tutti modi, dice il Papa, in cui Dio propone di “realizzare il suo progetto su ciascuno di noi”, che è “sempre un disegno di amore”, tanto che “la gioia più grande per ogni credente è rispondere a questa chiamata, offrire tutto sé stesso al servizio di Dio e dei fratelli”.

Il Papa sa che, di fronte alla chiamata di Dio, possiamo rifiutarla perché “ci sembra in contrasto con le nostre aspirazioni”, o averne paura “perché la riteniamo troppo impegnativa e scomoda”. Ma – aggiunge – “la chiamata di Dio è amore, e si risponde ad essa solo con l’amore. All’inizio c’è un incontro, anzi, c’è l’incontro con Gesù, che ci parla del Padre, ci fa conoscere il suo amore”. E, dopo quest’incontro, è spontaneo il desiderio di comunicarlo.

Conclude Papa Francesco, prima di introdurre la preghiera dell'Angelus: "Ricordiamo questo: ognuno di noi nella sua vita ha un momento in cui Dio si è fatto presente più fortemente, con una chiamata. Ricordiamola, andiamo indietro a quel momento, perché la memoria di quel momento ci rinnovi sempre nell’incontro con Gesù".

Dopo l'Angelus, Papa Francesco esprime vicinanza "alle popolazioni dell’isola di Sulawesi in Indonesia, colpita da un forte terremoto. Prego per i defunti, i feriti e quanti hanno perso la casa e il lavoro", e chiede di pregare anche per le vittime dell'incidente auereo avvenuto sempre in Indonesia lo scorso 9 gennaio. 

Quindi, il Papa ricorda che oggi è la Giornata di Approfondimento del Dialogo tra Cattolici Ebrei, che si celebra da più di trenta anni, e auspica che questa giornata "porti frutti abbondanti di fraternità e collaborazione".

Infine, Papa Francesco nota che domani inizia la settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, il cuo tema quest'anno è “Rimanete nel mio amore. Produrrete molto frutto”. Papa Francesco dà appuntamento a lunedì 25 gennaio concluderemo con la celebrazione dei Vespri nella Basilica di San Paolo fuori Le Mura con le altre chiese cristiane presenti a Roma. "In questi giorni - conclude Papa Francesco - preghiamo concordi affinché si compia il desiderio di Gesù che tutti siano una cosa sola: l’unità, che sempre è superiore al conflitto".

Ti potrebbe interessare