Papa Francesco: “È urgente tessere legami tra le persone e i Paesi”

Papa Francesco
Foto: Daniel Ibanez, ACI group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Lavorare insieme, senza sosta, per il bene comune”. Perché “possiate sempre avere a cuore la promozione di un futuro per ogni cittadino, nel rispetto fondamentale dei valori che sono la dignità delle persone e di ogni vita umana, come pure nel rispetto delle istituzioni del Principato”. È questo l’augurio di Papa Francesco ad una Delegazione del Consiglio Nazionale del Principato di Monaco, ricevuta oggi in Udienza in Vaticano.

Il Papa nel suo discorso ricapitola le numerose attività del Consiglio: “Sul piano umanitario voi fate molto per venire in aiuto a difficoltà di ogni genere, in collaborazione con la Chiesa Cattolica e le altre Confessioni cristiane, oltre che con numerose ONG. Il sussidio pubblico per lo sviluppo porta il suo contributo a diverse opere nei Paesi svantaggiati, nei settori essenziali del sostegno alle famiglie, dell’educazione, della salute e dell’aiuto socio-economico. Avete anche messo in atto cinque programmi-pilota che manifestano la vostra generosità e la vostra capacità di intervento di fronte alle nuove sfide”.

Ogni iniziativa sia come un lievito di speranza – incoraggia Francesco - per generare un atteggiamento di fiducia nel futuro e nell’altro, chiunque sia”. “In un tempo di sfiducia crescente e di egoismo, a volte persino di rifiuto – commenta ancora il Pontefice – è urgente tessere legami tra le persone e i Paesi, affinché cresca in ognuno il sentimento gioioso della propria responsabilità in quanto abitante del mondo, cittadino e attore del futuro”.

Conclude il Papa il suo discorso alla Delegazione: “Dobbiamo essere consapevoli della nostra responsabilità e intraprendere la via della pace con sé stessi, della pace con gli altri e della pace col creato. Questa è la politica della pace che vi invito a promuovere, ciascuno di voi e tutti insieme nell’alta missione che vi è affidata”. Infine, il saluto al Principe Alberto II e alla sua famiglia.

Ti potrebbe interessare