Papa Francesco: “I cristiani siano pazienti nel sopportare, umili nel consigliare”

Papa Francesco durante l'udienza generale del 16 novembre 2016
Foto: Lucia Ballestrer / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Ultima udienza generale dell’Anno Santo Straordinario per Papa Francesco, tutta dedicata al “sopportare pazientemente le persone moleste”, opera di misericordia che – sottolinea Papa Francesco – “forse non mettiamo in pratica come dovremmo”. Perché prima di guardare all’altro, dobbiamo guardare dentro noi stessi, per vedere se siamo davvero molesti.

Vero, afferma il Papa, “le persone fastidiose sono a volte quelle più vicine a noi”, e nella Bibbia “Dio stesso deve usare misericordia per sopportare le lamentele del suo popolo”, come succede nel Libro dell’Esodo, quando il popolo piange perché schiavo in Egitto, poi piange perché non c’è da mangiare e nonostante la manna e le quaglie continua a lamentarsi. “Mosè – racconta il Papa - faceva da mediatore tra Dio e il popolo, e anche lui qualche volta sarà risultato molesto per il Signore. Ma Dio ha avuto pazienza e così ha insegnato a Mosè e al popolo anche questa dimensione essenziale della fede”.

Il Papa però fa però una prima domanda: succede mai che noi siamo molesti agli altri? “È facile puntare il dito contro i difetti e le mancanze altrui, ma dovremmo imparare a metterci nei panni degli altri”, dice il Papa. Ma aggiunge che Gesù anche ha dovuto avere pazienza nei tre anni della sua vita pubblica, come quando la madre di Giacomo e Giovanni gli chiede di promettergli che i suoi figli siederanno uno alla sua destra e uno alla sua sinistra. Ma “anche da quella situazione Gesù prende spunto per dare un insegnamento fondamentale: il suo non è un regno di potere e gloria come quelli terreni, ma di servizio e donazione agli altri”. 

Insomma, Gesù ci insegna sempre “ad andare all’essenziale”, e “guardare più lontano”, e questa opera di misericordia richiama anche ad altre due opere di misericordia spirituale, ovvero ammonire i peccatori e insegnare agli ignoranti.

“Pensiamo – ricorda il Papa - al grande impegno che si può mettere quando aiutiamo le persone a crescere nella fede e nella vita”. Il pensiero di Papa Francesco va alla pazienza dei catechisti, ma sottolinea anche che “accompagnare nella ricerca dell’essenziale è bello e importante, perché ci fa condividere la gioia di gustare il senso della vita”.

Dice il Papa: “Spesso ci capita di incontrare persone che si soffermano su cose superficiali, effimere e banali; a volte perché non hanno incontrato qualcuno che le stimolasse a cercare qualcos’altro, ad apprezzare i veri tesori”.

Così, le parole di Gesù alla madre di Giacomo e Giovanni “indicano la via per evitare di cadere nell’invidia, nell’ambizione e nell’adulazione, tentazioni che sono sempre in agguato anche tra noi cristiani”.

Il Papa ricorda che “l’esigenza di consigliare, ammonire e insegnare non ci deve far sentire superiori agli altri, ma ci obbliga anzitutto a rientrare in noi stessi per verificare se siamo coerenti con quanto chiediamo agli altri”. Per quello il Papa prega che “lo Spirito Santo ci aiuti ad essere pazienti nel sopportare e umili e semplici nel consigliare”.

Il Papa infine rivolge un appello in occasione della Giornata Mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza che sarà celebrata domenica prossima 20 novembre, e chiede che i bambini non cadano “vittime di gruppi armati” né "di nuove forme di schiavitù”. E che “la comunità internazionale possa vigilare sulla loro vita garantendo la scuola e l’educazione, perché la loro vita sia serena e guardino con fiducia al futuro”.

Papa Francesco ricorda anche le vittime del terremoto in centro Italia, chiede "preghiere per loro e per i loro famigliri". 

Ti potrebbe interessare