Papa Francesco, il Covid e il clima, dimostrano che non abbiamo più tempo per aspettare

I messaggi del Papa per la Giornata della Terra e il Leaders Summit on Climate

Papa Francesco
Foto: Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“La pandemia del Covid ci ha insegnato questa interdipendenza, questo condividere il pianeta. Ed entrambe le catastrofi globali, il Covid e il clima, dimostrano che non abbiamo più tempo per aspettare”. Papa Francesco lo ha sottolineato nel video messaggio per la commemorazione della Giornata della Terra.

“Da tempo stiamo prendendo maggiormente coscienza che la natura merita di essere protetta, anche per il solo fatto che le interazioni umane con la biodiversità di Dio che Dio ci ha dato devono avvenire con la massima attenzione e con rispetto: prendersi cura della biodiversità, prendersi cura della natura” dice il Papa. Il covid ci ha insegnato che abbiamo i mezzi per affrontare questa sfida: 

“È il momento di agire, siamo al limite. Vorrei ripetere un detto antico, spagnolo: “Dio perdona sempre, noi uomini perdoniamo di tanto in tanto, la natura non perdona più”. E quando s’innesca questa distruzione della natura è molto difficile frenarla. Ma siamo ancora in tempo. E saremo più resilienti se lavoreremo insieme invece di farlo da soli. L’avversità che stiamo vivendo con la pandemia, e che avvertiamo già nel cambiamento climatico, ci deve spronare, ci deve spingere all’innovazione, all’invenzione, a cercare cammini nuovi. Da una crisi non si esce uguali, usciamo migliori o peggiori. Questa è la sfida, e se non usciamo migliori percorriamo un cammino di autodistruzione”.

Il Papa ha anche inviato sullo stesso tema un video messaggio ai partecipanti al vertice internazionale sul clima “Leaders Summit on Climate”, organizzato dagli Stati Uniti, in corso, in forma virtuale, dal 22 al 23 aprile 2021.

Francesco parla di una iniziativa felice “che ci mette tutti sulla strada, tutta l'umanità attraverso i suoi leader”.  Curare e custodire la natura ha “significato molto più grande perché è una sfida quella

abbiamo in questo post-pandemia. Non è ancora finita, ma andiamo, dobbiamo guardare avanti” e “la nostra preoccupazione è vedere che l'ambiente sia più pulito, più puro e preservato” Prendersi cura dalla natura quindi dice il Papa perché la natura si prenda cura di noi.

Ti potrebbe interessare